Lunedì, 27 gennaio 2020
Banner
Banner
sienafreewhatsapp650x80
EVENTI E SPETTACOLI

Micat in Vertice, con due concerti il Quartetto Noûs inaugura il filone dedicato all’integrale dei quartetti di Beethoven

Bookmark and Share
Il doppio appuntamento è nel Palazzo Chigi Saracini di Siena il 5 e il 6 dicembre alle ore 21

quartettonousCon un doppio appuntamento, giovedì 5 e venerdì 6 dicembre alle ore 21 nel Salone dei concerti di Palazzo Chigi Saracini (a Siena in via di Città 89) il Quartetto Noûs inaugura lo speciale filone di questo amplissimo cartellone della Micat in Vertice 2019-2020 dedicato all’integrale dei quartetti per arco di Beethoven nella ricorrenza dei 250 anni dalla nascita del grande compositore tedesco.

L’evento, realizzato in collaborazione con “Le Dimore del Quartetto”, rientra nel ciclo “Roll over Beethoven”, dedicato ai migliori giovani interpreti di oggi a confronto con uno dei più grandi compositori di tutti i tempi, e all’interno di “Chigimola 2019”, un progetto speciale di assoluta originalità, promosso dall’Accademia Chigiana di Siena e dall’Accademia Internazionale “Incontri con il Maestro” di Imola. Il progetto di propone quale strumento di dialogo, confronto culturale e interscambio di conoscenze tra giovani talenti provenienti da diverse parti del mondo e i grandi esponenti dei diversi contesti e culture musicali.

Il primo concerto inizierà con due importanti pagine giovanili: rispettivamente l’op. 18 n. 1 e l’op. 18 n. 2, che aprono la prima grande raccolta di quartetti di Beethoven. Si concluderà poi con l’op. 127, una delle più intense pagine dell’ultimo periodo beethoveniano.

Nel secondo concerto il Quartetto Noûs proporrà il primo e il terzo dei quartetti op. 59 conosciuti come “Razumowsky”, dal nome del conte, ambasciatore di Rossua a Viena e protettore di Beethoven, al quale la raccolta è dedicata. Terminerà inoltre con l’op. 130, uno dei capolavori estremi del maestro tedesco, che in origine doveva terminare con la monumentale Grande Fuga che poi avrebbe avuto un destino autonomo.

Noûs (nùs) è un termine greco il cui significato è mente e dunque razionalità, ma anche ispirazione e capacità creativa. Il Quartetto Noûs, formatosi nel 2011, si è affermato in poco tempo come una delle realtà musicali più interessanti della sua generazione. Le sue coinvolgenti interpretazioni sono frutto di un percorso formativo nel quale la tradizione italiana si fonde con le più importanti scuole europee. Ha frequentato l’Accademia Walter Stauffer di Cremona nella classe del Quartetto di Cremona, la Musik Akademie di Basilea studiando con Rainer Schmidt (Hagen Quartett), l’Escuela Superior de Música “Reina Sofia” di Madrid e l’Accademia Musicale Chigiana di Siena con Günter Pichler (Alban Berg Quartett) e la Musikhochschule di Lubecca con Heime Müller (Artemis Quartett).

Nel 2014 è stato selezionato per il progetto Le Dimore del Quartetto. Nel 2015 si aggiudica il Premio Piero Farulli, assegnato alla migliore formazione cameristica emergente nell’anno in corso, nell’ambito del XXXIV Premio Franco Abbiati, il più prestigioso riconoscimento della critica musicale italiana. Riceve inoltre dal Teatro La Fenice di Venezia il Premio Arthur Rubinstein – Una Vita nella Musica 2015.

La versatilità e l’originalità interpretativa dell’ensemble si manifestano in tutto il repertorio quartettistico e l’attenzione ai nuovi linguaggi compositivi lo spingono a cimentarsi in performance innovative come suonare a memoria e totalmente al buio. Diverse le collaborazioni con compositori contemporanei e le partecipazioni a progetti trasversali con compagnie teatrali e di danza.

Si esibisce per molte delle più importanti realtà musicali italiane. All’estero viene invitato ad esibirsi in Germania, Svizzera, Francia, Inghilterra, Spagna, Belgio, Canada, Stati Uniti, Cina e Corea. Le sue esecuzioni sono state trasmesse da diverse emittenti radiofoniche come Venice Classic Radio, Radio Clásica, RSI e Radio 3. Nel 2019 è stato pubblicato dall’etichetta Warner Classics il nuovo disco con opere di Puccini, Boccherini, Verdi e Respighi.

I biglietti (primi posti intero 25 euro, primi posti ridotto 20 euro; ingresso intero 18 euro, ingresso ridotto 10 euro; carnet di due biglietti: primi posti intero 30 euro, primi posti ridotto 25 euro; ingresso intero 23 euro, ingresso ridotto 15 euro) possono essere acquistati il 4 dicembre dalle ore 16 alle ore 18.30 e ii giorni dei concerti dalle ore 19 presso la biglietteria del Palazzo Chigi Saracini (a Siena in via di Città 89). Possono essere acquistati anche online al sito www.chigiana.it fino alle ore 12 dei rispettivi giorni dei concerti (oppure, con sovrapprezzo, sul portale Ticketone.it anche presso i rivenditori autorizzati).

Prenotazioni dal lunedì al venerdì dalle ore 9.30 alle ore 12.30 al numero telefonico 333.9385543.
 
GUARDA ANCHE

SOCIAL e SERVIZI

Facebook_RoundWhatsapp_free_social_media_icon_roundInstagram_round_social_media_icon_freeTwitter_round
sienafreewhatsapp300X200

ESTRA NOTIZIE

estra300x250-80
simply19gennaio-2febbraio2020
fotostudiosiena

SEGUICI SU FACEBOOK