Lunedì, 22 luglio 2019
Banner
Banner
LAVORO - CORSI DI FORMAZIONE

Centri per l'impiego, la Regione procederà all'indizione dei concorsi entro il 30 giugno

Bookmark and Share
centroimpiego650"In merito al rafforzamento dei Centri per l'impiego le Regioni avevano chiesto al Governo di procedere con la ripartizione delle risorse in tempi utili per effettuare i concorsi entro il 30 giugno, così come previsto dalla norma nazionale. O almeno che vi fosse un rinvio di questa data". Così un comunicato della Regione Toscana.

"A tal fine e su altre esigenze che si pongono per lo svolgimento ottimale di questa fase, il presidente della Regione Enrico Rossi aveva scritto al ministro Luigi Di Maio avanzando la richiesta di un confronto per risolvere queste ed altre problematiche. Visto che ad oggi non è successo niente di tutto ciò, che il rinvio della scadenza del 30 giugno non è stato portato avanti dal Governo e viste dunque le incertezze del quadro nazionale, la Giunta regionale ha deciso di procedere all'indizione dei concorsi entro il 30 giugno per un primo rafforzamento dei Centri per l'impiego."

Allo scopo di attivare l'iter necessario, è stato convocato oggi il tavolo tecnico fra la Regione Toscana e le organizzazioni sindacali dei lavoratori, previsto dal protocollo d'intesa firmato il 16 maggio scorso.

Nell'occasione gli assessori Vittorio Bugli e Cristina Grieco hanno fatte presenti le linee che intendono portare all'attenzione della giunta di martedì prossimo, 25 giugno, e la volontà di valorizzare tutte le competenze e le professionalità esistenti nel sistema e rafforzarlo con un numero adeguato di nuove figure di operatori.

Per questo, la Giunta regionale ha intenzione di bandire dei primi concorsi entro il 30 giugno, in modo da poter utilizzare, anche successivamente, le graduatorie per le future assunzioni.

Il piano di rafforzamento prevede, a regime, l'assunzione di circa 700 unità di personale, mentre i primi concorsi saranno banditi per circa 60 unità.

Valorizzare competenze e professionalità, significa in primo luogo tener di conto dell'esperienze che centinaia di operatori hanno acquisito in anni di lavoro.

Per questo le parti hanno condiviso la proposta di individuare, per ciascuna delle categorie messe a concorso – categoria C e categoria D – due profili professionali junior e senior. Si tratta con questo di combinare nuove professionalità con professionalità già sperimentate nel settore che possano dare un contributo di esperienza e di conoscenza.

L'operatore junior sarà dunque un profilo più "generale" che permetterà, a quanti vorranno confrontarsi con i servizi per l'impiego, di contribuire ad arricchire e innovare ulteriormente il modello toscano.

Il profilo per l'operatore senior sarà riservato a chi possiede un'esperienza di lavoro nei centri per l'impiego di almeno 36 mesi con una previsione, tra l'altro, di una premialità per quanti abbiano maturato questa esperienza nell'ambito del sistema dei cpi della Toscana.

Il confronto con le organizzazioni sindacali è stato positivo ed è stato ritenuto opportuno proseguire in questa direzione, già a suo tempo tracciata con la firma dell'accordo su questa materia.

In un incontro che si è tenuto successivamente anche la Rsu dell'Agenzia regionale toscana per l'impiego (Arti) ha condiviso questo percorso.
 
sienafreewhatsapp2
GUARDA ANCHE
jooble_300x250_new

SOCIAL e SERVIZI

Facebook_RoundWhatsapp_free_social_media_icon_roundInstagram_round_social_media_icon_freeTwitter_round

ESTRA NOTIZIE

estra300x250-80
fotostudiosiena