Martedì, 15 ottobre 2019
Banner
Banner
sienafreewhatsapp650x80
LAVORO - CORSI DI FORMAZIONE

Autogrill di Montepulciano, proclamato lo stato di agitazione dei lavoratori

Bookmark and Share
Sindacati: ''Ad un anno dalla chiusura ancora nulla è stato fatto. Ora basta, è una vergogna, parte la mobilitazione''

autogrillmontepulciano-protestalavoratori2018Era il 12 ottobre del 2018, un anno fa, quando i dipendenti e i clienti dell'Autogrill di Montepulciano furono evacuati all'improvviso dalla struttura a seguito di direttive aziendali superiori. Da allora, per gli oltre 40 lavoratori, quasi tutte donne, è stato un incubo continuo.

“Prima 15 giorni di attesa a casa coperti con le ferie non ancora godute, - spiegano FILCAMS CGIL e FISASCAT CISL - poi la tribolata firma del primo ammortizzatore sociale, l’assegno ordinario. Da allora l’Azienda ha sempre trovato molteplici scuse per rinviare gli impegni formali presi varie volte anche in sede istituzionale per far partire i lavori di adeguamento e messa in sicurezza della struttura. Ad oggi, dopo aver dovuto ricorrere all'Inps nazionale per avere accesso al secondo ammortizzatore sociale, l’assegno di solidarietà, Autogrill Italia spa non è in grado di presentare un progetto di ristrutturazione che possa permettere in tempi decenti la piena ripresa occupazionale.

Dopo un anno di parole e di promesse da marinaio non ne possiamo più, le dipendenti sono seriamente preoccupate per il loro futuro professionale - sottolineano i sindacati - anche perché tra 6 mesi scade l'ammortizzatore sociale e rischiano di non avere più una, seppur parziale, copertura economica. Non è più accettabile che un’azienda come Autogrill non sia stata in grado con il suo ufficio “construction” di progettare le idonee misure per riaprire i locali di Montepulciano. Non stiamo parlando del bottegaio sotto casa ma del Gruppo Autogrill, cioè del leader mondiale per la ristorazione di chi viaggia, che peraltro ha chiuso il 2018 confermando la crescita dei ricavi del 5% arrivando a 4,7 miliardi di euro.

Le lavoratrici, il territorio in cui insiste il punto vendita, le istituzioni di riferimento con le quali l’Azienda aveva preso impegni ufficiali - concludono le organizzazioni sindacali - hanno diritto di pretendere fatti e non più solo parole. Se poi vi sono problematiche di rapporti tra Autostrade per l'Italia e Autogrill Italia spa siano evidenziate in maniera trasparente, non vogliamo rimanere schiacciati dal tritacarne delle questioni relative alla presunta revoca della concessione governativa ad Autostrade. Facciamo appello alle istituzioni, che finora si sono dimostrate disponibili, a continuare nell'azione già intrapresa con l’Azienda affinché assieme a noi pretendano il pieno e sollecito rispetto degli impegni presi”.

Intanto l'assemblea dei dipendenti ha deciso lo stato di agitazione sindacale fino a quando Autogrill non manterrà gli impegni presi. Le iniziative di mobilitazione saranno effettuate con modalità e tempistiche che saranno comunicate successivamente da FILCAMS CGIL e FISASCAT CISL.
 
sienafreewhatsapp2
GUARDA ANCHE

SOCIAL e SERVIZI

Facebook_RoundWhatsapp_free_social_media_icon_roundInstagram_round_social_media_icon_freeTwitter_round

ESTRA NOTIZIE

estra300x250-80
fotostudiosiena

SEGUICI SU FACEBOOK