Venerdì, 22 novembre 2019
Banner
Banner
PROVINCIA - MONTEPULCIANO

Montepulciano, prosegue la battaglia per mantenere la filiale del Monte dei Paschi ad Acquaviva

Bookmark and Share
Partecipata assemblea al “Concordi” con amministratori, consiglieri e cittadini

mps-acquaviva2019“Non si tratta, semplicemente, di sperare ma, piuttosto, di proseguire le trattative in corso e di realizzare nuove azioni”. Così il sindaco di Montepulciano, Michele Angiolinim commenta la situazione della paventata chiusura della filiale del Monte dei Paschi nella frazione di Acquaviva all’indomani dell’iniziativa pubblica che si è tenuta nel Teatro dei Concordi della popolosa frazione.

L’assemblea, convocata dal Comune per aggiornare sulla vicenda la cittadinanza, che negli ultimi tempi aveva manifestato crescente preoccupazione, ha fatto registrare un’ampia partecipazione, anche a dispetto della sua collocazione nella settimana centrale di agosto; segno evidente di un’attenzione, sia da parte dell’Ente sia da parte della collettività, che è stata reciprocamente riconosciuta.

Angiolini, accompagnato dagli assessori Monja Salvadori, Baniamino Barbi ed Emiliano Migliorucci, ha ripercorso le tappe della questione, dalle prime notizie apprese a giugno, direttamente dai dipendenti della filiale, all’immediata attivazione dei contatti con la banca Monte dei Paschi attraverso scambio di corrispondenza ed incontri, tutti tendenti a scongiurare l’eventualità della chiusura.

L’Amministrazione comunale ha evidenziato con decisione una serie di motivi per cui la soppressione dello sportello costituirebbe una sensibile perdita per la comunità. Acquaviva è infatti la frazione più popolosa, dopo il capoluogo; quello del Monte dei Paschi è l’unico sportello bancario presente; il 30% degli abitanti ha un’età superiore ai 65 anni e dunque, in caso di chiusura, potrebbe avere difficoltà di spostamento verso altre sedi (o anche altre banche). Né si può concepire come alternativa l’home banking visto che la maggior parte della popolazione non è digitalizzata o comunque non è abituata compiere operazioni online. Gli interlocutori presso la banca hanno garantito che questi elementi saranno tenuti in considerazione.

Al dibattito hanno preso parte anche esponenti dei gruppi politici rappresentati in Consiglio comunale (e l’argomento potrebbe essere portato in discussione, in occasione di una delle prossime sedute) e semplici cittadini che hanno comunque espresso apprezzamento per le azioni intraprese e l’invito all’assemblea.

Il sindaco, non escludendo future occasioni di ulteriore confronto con i rappresentanti della banca, ha espresso l’auspicio che ogni iniziativa sia realizzata nel segno della compattezza e dell’unità: “presentarsi divisi – ha detto – vuol dire essere più deboli”.

“Durante la fase pre-elettorale delle ultime elezioni – ha proseguito Angiolini – è stata molto apprezzata la campagna di ascolto da cui sono scaturite idee che arricchiscono tanto l’Amministrazione quanto la cittadinanza. Questa iniziativa di Acquaviva fa parte della stessa linea perché l’ascolto e il confronto sono basilari”.

Il sindaco ha poi annunciato il coinvolgimento delle associazioni di categoria e ha riferito dei contatti con le rappresentanze sindacali dei bancari per avere garanzie sulla salvaguardia dei posti di lavoro. Non ha nascosto, infine, di aver già contattato un altro istituto bancario, eventualmente interessato ad aprire una filiale nella frazione. Nel deprecabile caso di chiusura, infatti, il Monte dei Paschi potrebbe installare uno sportello automatizzato capace di ricevere versamenti, anche sotto forma di assegni, dotato di servizio di assistenza.

“Sarebbe comunque un grave errore considerare la battaglia ormai persa – ha sottolineato il sindaco Angiolini –, continuiamo a lottare per mantenere la filiale”.
 
GUARDA ANCHE

SOCIAL e SERVIZI

Facebook_RoundWhatsapp_free_social_media_icon_roundInstagram_round_social_media_icon_freeTwitter_round

MESSAGGIO AGLI UTENTI DEL SERVIZIO WHATSAPP

Da una 15ina di giorni non è più attivo il nostro servizio di invio notizie su whatsapp in quanto l'azienda ha bloccato il nostro numero. Dopo numerose richieste per capire il motivo ci hanno risposto, dopo 10 giorni, adducendo una presunta "violazione dei termini del servizio" specificando la vendita di prodotti non consentiti. Ora, inviando SOLAMENTE notizie, e avendo letto la corposa lista delle vendite vietate per cercare di capire un motivo per tale violazione, deduciamo che, per qualche geniale algoritmo di qualche geniale software, articoli tipo "arrestato spacciatore di cocaina" vengano considerati come vendita... ma ripetiamo, sono solo deduzioni che facciamo. Avendo spiegato nei dettagli il tutto al dis-servizio assistenza abbiamo ricevuto zero risposte e il numero è tuttora bloccato. Siamo dispiaciuti per la situazione e ci scusiamo con i 3.000 utenti del servizio soprattutto per non poter avvertire direttamente a causa del blocco del numero. Speriamo che quanto prima la situazione sia chiarita in modo da poter ripristinare il servizio. Grazie mille.

ESTRA NOTIZIE

estra300x250-80
fotostudiosiena

SEGUICI SU FACEBOOK