Mercoledì, 22 Novembre 2017
Banner
Banner
Ultime Notizie
Banner
PROVINCIA - MONTERIGGIONI
E-mail Stampa PDF

Sulla via del cambiamento: a Monteriggioni il Festival della Viandanza. Tre giorni dedicati a chi ama viaggiare (a piedi o in bicicletta) con lentezza

Bookmark and Share
Festival della Viandanza, dal 20 al 22 giugno, a Monteriggioni (SI). Decine di ospiti, tra cui David Riondino, Gianmaria Testa, Giuseppe Cederna, Antonio Moresco, Bernard Ollivier e tanti altri
Incontri, spettacoli, conferenze, camminate, tutto gratuito, tutto in natura, tutto all’insegna dell’amicizia e della condivisione

monteriggioni-viafrancigena650Torna per il terzo anno consecutivo, dal 20 al 22 giugno, il Festival della Viandanza, come sempre nella splendida cornice di Monteriggioni, in provincia di Siena, nel cuore della Via Francigena toscana (Un patrimonio di cultura e arte lungo 380 km, che la Toscana – prima Regione d'Italia – mette a sistema). Un territorio straordinario per scoprire, da una prospettiva unica e indimenticabile, paesaggi, tradizioni e suggestioni della Toscana.

Tre giorni all’aria aperta per chi ama viaggiare a piedi e in bicicletta, per chi ha già scelto o vorrebbe scegliere una vita basata ritmi più lenti, umani. Decine di ospiti, tra cui David Riondino, Gianmaria Testa, Giuseppe Cederna, Antonio Moresco, Bernard Ollivier, Sergio Valzania, Nicolò Bassetti, Daniel Tarozzi, Tiziano Fratus, Luca Gianotti e tanti altri. Incontri, spettacoli, conferenze, camminate, tutto gratuito, tutto in natura, tutto all’insegna dell’amicizia e della condivisione.

«E far cammino dove non c’è strada», scriveva Carlo Michelstaedter. Viaggiare con lentezza dove c’è già un sentiero, una strada, una via battuta, è importante. Significa che c’è stato qualcuno prima di noi, che qualcun altro se ne è preso cura, ha messo i segnali, ha permesso al suo prossimo di passarci. Quel qualcuno che si è preso il rischio di perdersi per poi ritrovarsi, e ha fatto il cammino dove non c’era nulla, è chi ha deciso di imprimere una svolta nella propria vita. Ed è proprio questo il tema-principe della terza edizione: il cambiamento.

Ci siamo chiesti: abbiamo fatto, o stiamo facendo il possibile per non mancarla, la strada? Per non mancare l’appuntamento con la strada in cui ci sentiremo finalmente in grado di respirare a pieni polmoni, il più possibile liberi, il più possibile felici?

Quale cambiamento possiamo o dobbiamo mettere in atto nelle nostre vite per fare sì che ciò avvenga? A cosa rinunciare, che cosa mettere in discussione, che direzione prendere? È possibile partire senza essere cambiati, o si cambia nel percorso, o si cambia solo alla fine? Queste sono alcune delle domande a cui cercheranno di rispondere scrittori, artisti, musicisti, pensatori e viaggiatori. Ci saranno camminate di giorno e di notte, conferenze itineranti, passeggiate con gli asinelli di Massimo Montanari dedicate alle famiglie e ai bambini, dialoghi con gli autori, momenti spettacolari, musica, incontri per chi va a piedi, in bici, o a chi comunque sta tentando di cambiare ritmo, di rallentare, di cambiare passo. Come spiegano gli organizzatori: “la Viandanza non è un festival, o meglio non è solo un festival. Non per noi, almeno. La Viandanza è un viaggio, fatto di strade, di soste, di incontri, di scambi, di nostalgie e, soprattutto, di spinte in avanti”.

Ci saranno gli eventi spettacolari: David Riondino scioglierà, recitando e cantando, i nodi del cambiamento che si intrecciano nelle novelle di Boccaccio, mentre Giuseppe Cederna e Gianmaria Testa daranno vita ad un reading-concerto pensato apposta per il festival, un dialogo tra due artisti che hanno assunto nella propria poetica la metafora del viaggio e della metamorfosi.

Sarà allestito un vero e proprio Giardino del Cambiamento, in collaborazione con David Tarozzi, scrittore, viaggiatore e fondatore dell’Associazione Italia che Cambia. Tante storie, da quella di Bernard Ollivier, camminatore e scrittore francese che dialogherà assieme a Sergio Valzania, vicedirettore di Radio Rai e pellegrino sulle antiche vie. Ollivier porterà anche il progetto della sua associazione, Seuil, che si occupa del recupero di giovani a rischio esclusione sociale attraverso il cammino. O la storia di Said Zarrouk, nomade saharawi che ha deciso di restare nel suo deserto, nonostante le enormi difficoltà di ordine sociale e politico, o quella di Marina Pissarello, che del deserto si è innamorata e che lì sta facendo nascere un importante progetto insieme alle popolazioni locali. Oppure, tra le tante, quella di Barbara Pierro, responsabile del progetto di integrazione della comunità Rom a Scampia.

Si andrà a caccia di alberi assieme allo scrittore e, come ama definirsi, homo-radix, Tiziano Fratus, e ci si immergerà nel solstizio d’estate con la camminata meditativa di Italo Bertolasi. Un grande scrittore e camminatore, Antonio Moresco, porterà la propria testimonianza fatta di parole e passi precisi, di visioni e di utopie. Paul Chinn, autore britannico di guide francigene, farà a Monteriggioni una sosta durante il suo viaggio in bicicletta tra Canterbury e Roma. Perché, come si è detto fin dalla prima edizione, non occorre avere i piedi per essere viandante, né esiste viandante senza sosta, e viceversa.

Ancora una volta non sarà trascurata la vocazione civile: Nicolò Bassetti presenterà, assieme a David Riondino, Sacro GRA, il libro da cui è stato tratto il film vincitore dell’ultimo Leone d’Oro a Venezia. A seguire continuerà il dibattito iniziato nella scorsa edizione, per la stesura del Manifesto della Lentezza, una piattaforma di idee e proposte concrete finalizzata all’affermazione dei diritti di chi viaggia con mezzi a basso impatto, perennemente in lotta con il traffico a motore, con il passaggio nelle proprietà private o la difficoltà ad incontrare una rete di accoglienza low cost. Un work in-progress al quale hanno collaborato e stanno collaborando decine di scrittori, pensatori, viaggiatori italiani.

Il festival è fin dall’esordio rivolto a tutti, nessuno escluso. Ci sarà la testimonianza appassionata di Pietro Scidurlo, giovane paraplegico che ha fondato Free Wheels – un’associazione che si impegna ad abbattere le barriere mentali e fisiche verso le persone con disabilità – e che sta lavorando alla stesura di una guida del Cammino di Santiago attenta alle necessità dei pellegrini con disabilità motorie e sensoriali. Torneranno i racconti e le fiabe per bambini e famiglie, in compagnia degli asinelli e il carisma di Massimo Montanari, animatore del Giardino degli Asinelli, e poi una novità, pensata per i più anziani o per chi, per una ragione o per l’altra, ha timore di cambiare stile di vita: lezioni all’aria aperta di Nordic Walking. Infine, per celebrare la “notte bianca”, la sera del 21 giugno arriveranno con le loro bici degli scrittori che daranno vita ad un lettura al chiaro di luna, in collaborazione con Il giro d’Italia in 80 librerie.

Il Festival della Viandanza è realizzato da itinerAria con la collaborazione della Regione Toscana, di Toscana Promozione, del Comune di Monteriggioni.

Inoltre contribuiscono all’organizzazione e alla promozione il Movimento Lento, l’Italia che Cambia, Life in Travel, oltre alla collaborazione con altre associazioni, gruppi e realtà del “mondo della lentezza”. La manifestazione fa parte del Festival Europeo della Via Francigena, ed ha il patrocinio dell’Associazione Europea delle Vie Francigene.

Uniti si va piano, si va lontano, e si cambia.
 

GUARDA ANCHE


Diventa fan su facebook Seguici su twitter
ico-zodiacoicons_separatorico_cinemaicons_separatorico-viabilitaicons_separatorico_farmaciaicons_separatorico_meteo
oroscopo cinema viabilità farmacie meteo
banner-web-300x250-01-B_2_2
SIENA_FREE_Banner_300X2502
fotostudiosiena

SEGUICI SU FACEBOOK

SEGUICI SU TWITTER