Sabato, 21 settembre 2019
Banner
Banner
sienafreewhatsapp650x80
PROVINCIA - MONTERONI D'ARBIA

Monteroni Viva: ''Tasse troppo alte. In media, una famiglia perde uno stipendio mensile in cinque anni''

Bookmark and Share
"Necessitano interventi per alleggerire il carico fiscale dei cittadini"

massimogranchi"Un mese di stipendio. Questo è quello che è costato in più ad una famiglia di Monteroni a causa degli aumenti delle tasse sulla casa, il progressivo aumento della tariffa dei rifiuti e la nuova rimodulazione del pagamento della mensa scolastica." Così un intervento di Monteroni Viva, la lista civica a sostegno del candidato a sindaco Massimo Granchi.

"Prendendo ad esempio una famiglia che vive in un appartamento di 90 metri quadri, per la quale non può usufruire della detrazione per abitazione principale e ha due figli che vanno a scuola, l’aumento delle tasse gli ha sottratto in questi 5 anni oltre 1100 euro di reddito, quasi come un mese di stipendio. Circa 600 sono i maggiori costi sostenuti per le imposte sulla casa, 200 quelli sui rifiuti, 400 i maggiori oneri per la mensa considerando solo 2 annualità.

Forse si è portati a credere che i cittadini non si accorgano di questi aumenti, che invece pesano sull’economia delle famiglie, ma invece il malcontento per l’eccessivo carico fiscale è purtroppo sottovalutato.

Noi crediamo che chi vuole amministrare nel vero interesse dei cittadini, deve compiere ogni sforzo per alleggerire il peso del funzionamento della macchina comunale e operare un severo controllo nei confronti delle aziende che erogano servizi al cittadino come acqua e rifiuti.

Tutto questo non è stato fatto, e noi crediamo che la tendenza vada invertita. Affinchè tra 5 anni, i cittadini di Monteroni possano trovarsi in tasca un mese di stipendio in più, invece che un mese in meno.
 
sienafreewhatsapp2
GUARDA ANCHE

SOCIAL e SERVIZI

Facebook_RoundWhatsapp_free_social_media_icon_roundInstagram_round_social_media_icon_freeTwitter_round

ESTRA NOTIZIE

estra300x250-80
fotostudiosiena

SEGUICI SU FACEBOOK

SEGUICI SU TWITTER