Giovedì, 19 settembre 2019
Banner
Banner
sienafreewhatsapp650x80
PROVINCIA - MONTERONI D'ARBIA

La legalità invade Suvignano con il primo campo di lavoro

Bookmark and Share
Da abato 29 giugno a lunedì 8 luglio ricco programma di lavori in azienda e incontri per 15 partecipanti

suvignano-oliveto2019Dopo la grande festa organizzata dalla Regione Toscana, la tenuta di Suvignano si prepara ad accogliere il primo campo di lavoro sulla legalità “Suvignano #benecomune” promosso da Arci Toscana. L’iniziativa coinvolgerà 15 ragazzi e ragazze in arrivo da tutta la regione con un ricco programma di attività da sabato 29 giugno a lunedì 8 luglio, alternando il lavoro nell’azienda agricola a incontri sui temi della legalità democratica, workshop di fotografia sociale, laboratori giornalistici e visite alla scoperta del territorio.

Il campo di educazione alla legalità a Suvignano è il primo organizzato in Toscana in un bene confiscato alla mafia e segna ufficialmente l’avvio del riutilizzo sociale della tenuta confiscata nel 2007 a Vincenzo Piazza, imprenditore palermitano vicino al boss Bernardo Provenzano, e assegnata pochi mesi all’Ente Terre Regionali, ente pubblico di emanazione della Regione Toscana. “Suvignano #benecomune” fa parte dei campi della legalità “Estate in campo” promossi dall’Arci nazionale in tutta Italia e conta sul patrocinio della Regione Toscana e sul partenariato di Arci Siena, Comune di Murlo, sezione soci di Monteroni d’Arbia di Coop Centro-Italia, Circolo Arci Vescovado di Murlo, che ospiterà pranzi, cene e incontri inseriti nel programma del campo di lavoro, e Cgil e Spi-Cgil.

Il programma. Il campo di lavoro “Suvignano #benecomune” inizierà sabato 29 giugno con l’arrivo dei partecipanti, che si ritroveranno al Circolo Arci Vescovado di Murlo per il pranzo, seguito dall’incontro “Il progetto Suvignano #benecomune: conoscenza dell’Arci, del gruppo, dei partners, della programmazione. Costruiamo insieme regole condivise”. L’iniziativa entrerà nel vivo da domenica 30 giugno, con lavori nella tenuta, al mattino, e un ricco programma di incontri, nel pomeriggio, in compagnia dei sindaci dei comuni di Monteroni d’Arbia e Murlo, che ripercorreranno la storia di Suvignano e di un territorio che ha agito in maniera sinergica e compatta per ottenere l’assegnazione della tenuta alle istituzioni e farla ripartire come esempio di legalità democratica, e del giornalista de La Repubblica Attilio Bolzoni. Nella giornata di lunedì 1° luglio, i ragazzi e le ragazze del campo di lavoro incontreranno i rappresentanti di Ente Terre Regionali, soggetto che gestisce la tenuta di Suvignano, prima di un secondo laboratorio con il giornalista Attilio Bolzoni. Lo stesso Attilio Bolzoni condurrà un altro laboratorio sulle mafie e il loro contrasto martedì 2 luglio, prima di lasciare spazio alla visione in tv del Palio di Siena.

suvignano-pascolo2019Mercoledì 3 luglio il campo continuerà con i lavori nella tenuta, l’incontro con il fotografo sociale Stefano Vigni e un trekking all’interno della tenuta, prima di spostarsi a Siena per una passeggiata alla scoperta della città e per l’incontro con il segretario della Cgil di Siena, Fabio Seggiani, e del segretario Spi-Cgil Siena Franco Capaccioli. Giovedì 4 luglio sarà la volta di un secondo workshop di fotografia sociale con Stefano Vigni, ancora al Circolo Arci Vescovado di Murlo, per poi lasciare spazio all’incontro con la Spi-Cgil Siena “Le stragi mafiose in Italia del ’92-’93. Il pericolo per la tenuta della democrazia. Il ruolo del sindacato”, seguito, alle ore 21.15, dalla presentazione del libro “Viva Falcone”, alla presenza dell’autore Antonio Lovascio. Venerdì 5 luglio i partecipanti al campo di lavoro andranno a Firenze per l’incontro al centro di Documentazione Legalità Democratica della Regione Toscana e l’omaggio alla lapide di Via dei Georgofili, luogo della strage mafiosa del 27 maggio 1993, seguito da una breve visita della città prima di rientrare a Suvignano. Sabato 6 luglio il ricco programma del campo di lavoro prevede una tappa a Monteriggioni per l’incontro con l’Istituto Storico della Resistenza e la visita guidata a Casa Giubileo, luogo dell’eccidio fascista del 28 marzo 1944, per poi rientrare al Circolo Arci Vescovado di Murlo dove è previsto il laboratorio e la cena in compagnia del Comitato soci di Monteroni d’Arbia di Coop Centro Italia. Domenica 7 luglio il campo di lavoro “Suvignano #benecomune” entrerà nella sua ultima fase con un incontro insieme ai partecipanti per raccogliere impressioni ed emozioni prima di lasciare spazio alla festa finale “Festeggiamo in campo”, in compagnia di Francesca Chiavacci, presidente Arci nazionale; Vittorio Bugli, assessore alla presidenza della Regione Toscana e Gianluca Mengozzi, presidente Arci Toscana. Lunedì 8 luglio i partecipanti saluteranno la fine del campo.

Informazioni. Per tutta la durata del campo, i partecipanti saranno affiancati e guidati da coordinatori e coordinatrici Arci con esperienza nel settore. Per conoscere tutto il programma del campo di lavoro “Suvignano #benecomune”, è possibile visitare il sito www.campidellalegalita.net/suvignano-benecomune/.
 
sienafreewhatsapp2
GUARDA ANCHE

SOCIAL e SERVIZI

Facebook_RoundWhatsapp_free_social_media_icon_roundInstagram_round_social_media_icon_freeTwitter_round

ESTRA NOTIZIE

estra300x250-80
fotostudiosiena

SEGUICI SU FACEBOOK

SEGUICI SU TWITTER