Sabato, 17 Novembre 2018
Banner
Banner
PortaSiena
PALIO E CONTRADE

Palio Straordinario, De Mossi: ''Ora basta! Non potete offendere Siena, le nostre tradizioni, la nostra cultura!''

Bookmark and Share
Il testo integrale della conferenza stampa del sindaco di Siena, Luigi De Mossi
luigi_de_mossi_sindaco_siena_conferenza_23_ottobre_2018_42Si è tenuta alle 12 di oggi, presso la clinica veterinaria ''Il Ceppo'', la conferenza stampa con i giornalisti senesi del sindaco di Siena, Luigi De Mossi, a seguito di quanto accaduto nel corso del Palio straordinario, soprattutto in merito alle polemiche e agli accadimenti successivi alla morte del cavallo della Giraffa, Raol.

"Grazie per la vostra presenza. Siamo qui non per giustificarci di qualcosa, perchè Siena, l'Amministrazione comunale, anche quelle precedenti, soprattutto la città di Siena, la nostra municipalità, non ha bisogno di giustificarsi di alcunchè per quanto riguarda la nostra cultura, la nostra tradizione, la nostra Festa" ha esordito il primo cittadino.

"Siamo qui soltanto se qualcuno si vuole davvero documentare, non fare una gazzarra pubblicitaria su qualcosa che non può essere valutato da persone che non conoscono la nostra cultura, non conoscono le nostre tradizioni, si permettono di dare dei giudizi sulla nostra città, sulle nostre Amministrazioni, tutte le nostre Amministrazioni, anche quelle precedenti, che hanno sempre fatto sotto il profilo del Palio quello che potevano fare, e soprattutto siamo leader mondiali per quanto riguarda la prevenzione degli animali, la prevenzione dei cavalli che sono amatissimi in questa città. Siamo qui proprio per dimostrare fattualmente quello che noi facciamo abitualmente.

C'è qui la clinica veterinaria del Ceppo con la quale abbiamo una convenzione dal '93, una bellissima struttura attrezzattissima, una convenzione che tutela tutta la nostra festa, tutela tutti i soggetti che partecipano alla nostra festa.

Come sapete noi abbiamo fatto con un anticipo di venti anni una serie di prevenzioni per quanto riguarda gli amatissimi cavalli. Sapete bene come funziona, non c'è bisogno che lo spieghi a voi - ha detto De Mossi rivolgendosi ai giornalisti della stampa locale - ma lo voglio spiegare a chi evidentemente non si è preso nemmeno la briga di valutare quello che fa Siena, quello che fa l'Amministrazione comunale, tutte le Amministrazioni comunali: voglio sottolineare questo aspetto perchè oggi qui c'è un discrimine tra quelli che vogliono bene a Siena e quelli che a Siena non vogliono bene, e soprattutto il discrimine è legato a un altro fatto: alla verità, e purtroppo qualche volta, non dico sempre, non dico nemmeno spesso, ma la verità urla più di tanta canea urlante che continua a offendere la nostra città. E la verità è una struttura magnifica, con cui abbiamo una convenzione, dei professionisti estremamente capaci, delle associazioni di cavallai molto amorevoli nei confronti degli animali.

Noi abbiamo deciso dal 2000 di non prendere più i purosangue, il motivo è molto semplice: abbiamo cercato di selezionare dei soggetti mezzosangue anglo-arabi che avessero le caratteristiche morfologiche, di altezza al garrese, di misure che fossero adatti non solo per vincere il Palio ma anche per avere una resa, anche dal punto di vista della salute, assolutamete equilibrata.

luigi_de_mossi_sindaco_siena_conferenza_23_ottobre_2018_97I cavalli sono fatti per correre, purtroppo quello che è successo è un dispiacere per tutta la città. Per tutta la città, perchè l'altra sera se qualcuno si fosse degnato di essere qui al Ceppo come c'era primo cittadino subito dopo, avrebbe visto che i contradaioli della Giraffa erano dispiaciutissimi di quello che era successo.

Per cui, di che cosa stiamo parlando? Stiamo parlando di pubblicità? Stiamo parlando di un Carosello? Solo per andare nelle televisioni nazionali, solo per andare su delle testate nazionali ed avere una visibilità che altrimenti nessuna altra manifestazione gli può dare.

Se questo è l'obiettivo, bene, ci sono riusciti. Ma non pensino di venire ad aggredire la nostra città. La nostra città è una città compatta, i nostri cittadini sanno perfettamente quello che è stato fatto. Alla clinica vengono fatte le analisi, vengono fatte le radiografie, esiste una convenzione con il Consorzio che ha messo a disposizione un'autoambulanza veterinaria per portare i soggetti, purtroppo quando succede qualcosa, nella clinica.

Il soggetto (riferendosi al cavallo della Giraffa Raol, ndr) è stato prontamente soccorso: è entrata un'autoambulanza in piazza con 30mila persone che erano lì tutte intorno nei tempi tecnici necessari, è stato portato qui assolutamente con velocità. E' dispiaciuto moltissimo, ripeto, c'erano tanti contradaioli della Giraffa che potevano benissimo continuare a guardare la nostra Festa e sono venuti qui! E questo è segno di amore, non certo di cattiveria. Non è che c'è stato un disinterese. Il priore Lombardini mi ha chiamato tre volte per sapere come stavano le cose e anche ieri ci siamo sentiti più volte ed era costernato di questo fatto. Ma non solo il priore Lombardini, tutti i priori!

Quindi, signori miei, quando si parla di Siena, o vi documentate - non sto parlando dei presenti - oppure è meglio che taciate. Perchè dare informazioni sbagliate su una Festa che ha radici profondissime nella nostra cultura, che non è una sagra paesana - con tutto il rispetto per altre manifestazioni - significa non comprendere nulla di quello che è una tradizione secolare. Significa anche confondere il grano con loglio e noi siamo il grano.

Noi abbiamo preso delle iniziative. La famosa circolare Martini copia le nostre iniziative. Noi con vent'anni di anticipo abbiamo dettato delle regole che oggi vengono seguite dai Governi, qualunque Governo. Il che significa che l'attenzione che abbiamo dimostrato nei confronti dei nostri amatissimi cavalli è un'attenzione che ha meritato il rispetto e soprattutto è stata seguita anche dal Governo. Per cui questa storia ognuno è libero di interpretarla come vuole.

Un'altra cosa. Offendere la città di Siena da ora in avanti comporterà delle responsabilità di vario genere e specie con cui mi confronterò con l'ufficio legale del Comune.

Non è tollerabile che persone che non sanno nulla, che non hanno mai visto questa manifestazione dal vero, che non si rendono conto dell'attenzione che c'è nelle stalle e da parte dei veterinari, da parte di questa clinica, che ringrazio per la disponibilità che ci sta dando stamani perchè siamo venuti a fare questa ''incursione'', significa non conoscere nulla delle nostre tradizioni.

E la tradizione e la cultura dovrebbero essere un elemento fondamentale anche per chi dice di voler tutelare la salute degli animali, perchè senza la cultura, la tradizione e la storia non si può nemmeno parlare di quello che è stato un percorso legato al Protocollo, legato ad una visione della realtà assolutamente volta alla tutela degli animali.

Abbiamo il pensionato in cui diversi soggetti vengono ricoverati o a fine carriera o quando l'infortunio, pur rimanendo ovviamente in salute, non sono più adatti alla Carriera. Abbiamo il pensionato di Radicondoli. Molti soggetti sono stati comprati, anche negli anni precedenti a questa Amministrazione, da parte dell'Amministrazione comunale che li ha ricoverati lì.

Se questo significa voler male agli animali allora non vi è possibilità alcuna di far fare alcuna manifestazione sportiva. Perchè noi siamo più avanti degli altri, noi tuteliamo i nostri animali molto di più degli altri e soprattutto io sono qui per dire ora basta, avete avuto la vostra pubblicità, ora basta. Non potete offendere Siena, non potete offendere la nostra città, non potete offendere la nostra cultura. E' l'ora di farla finita!"

luigi_de_mossi_sindaco_siena_conferenza_23_ottobre_2018_106A livello governativo ha avuto qualche contatto, ha avuto qualche indicazione?
"Ho avuto molti messaggi di solidarietà da parte del Governo, da parte di vari soggetti, però non la voglio mettere sul piano politico. Qui siamo al di fuori. Siamo andati oltre. Qui c'è uno scrimine, un crinale in cui si vuole bene a Siena o non si vuole bene a Siena? Uno può pensare tutto il male possibile in termini politici dell'Amministrazione comunale che io rappresento in questo caso, ma oggi qui c'è da fare un fronte comune e il fronte comune è legato esclusivamente della nostra dignità e della nostra cultura. Quindi ringrazio tutti i politici, e non voglio fare nomi per non differenziare nessuno, ma la verità è che non mi interessa assolutamente l'aspetto politico di questa vicenda. Io sono la discontinuità politica per quanto riguarda le amministrazioni precedenti, ma sono la continuità amministrativa per quanto riguarda il ruolo di sindaco e quindi io devo dire che le amministrazioni precedenti, anche loro ovviamente con gli errori che facciamo tutti, non dico che loro hanno sbagliato, noi abbiamo fatto bene o cose del genere... anche loro hanno cercato la tutela di questa Festa. Se siamo arrivati a questo punto è frutto di una tradizione che è proseguita nel tempo.

Sindaco, lei pensa di andare a parlare con il procuratore? Magari potrebbe essere utile se non in questa fase più avanti?
"Io credo questo: che ognuno debba avere il suo ruolo e sapete mi sono già espresso sui fronteggiamenti, mi sono già espresso su tante cose. Lascio lavorare la Procura. Non voglio fare una battaglia difensiva, questa è una battaglia offensiva - non nei confronti della Procura, sia chiaro fino in fondo, per la quale ho il massimo rispetto - questa è una battaglia offensiva nel senso che non voglio offendere nessuno ma voglio evitare che ci offendano, voglio evitare che persone che non sanno di cosa si parla (se gli dite che cos'è il test Elisa forse pensano sia una cantante americana), non sanno che noi escludiamo qualunque soggetto anche se dimostra di avere una minima percentuale di antidolorifico".

Si sa nel fascicolo cosa c'è scritto?
"Non ne ho la più pallida idea. Come sapete c'è il segreto istruttorio e io personalmente, a maggior ragione con il mio ruolo, non intendo assolutamente con un'azione di questo genere. Io credo che, mi sbaglierò, scusatemi ma io di professione faccio l'avvocato penalista, credo che utilizzando le disposizioni di attuazione del Codice penale penso che ci siano degli ampi margini per valutare in un certo modo questa azione. Ma non è di mia competenza. Io difendo la città stamattina, le azioni penali lasciamole fare a chi ha l'obbligo di farle".

Difende la città sindaco pero' oggi come vent'anni fa il Palio di Siena si trova ad affrontare una situazione che è veramente un assedio. Si cerca di scongiurare questo pericolo, c'è la speranza di poterlo scongiurare?
"Intanto venti anni fa non c'erano tutti i social che ci sono oggi, questo è il primo dato. Credo che l'amministrazione comunale, ripeto, abbia fatto tutto il possibile, non solo questa. Ma in vent'anni noi... Fate un'analisi statistica di come sono andati i Palii. Pensate che solo in questa annata paliesca hanno corso sul tufo più di cento cavalli. Va bene, ci dispiace molto che uno si sia fatto male, ma se vi ricordate quello che succedeva vent'anni fa significa che l'attenzione nei confronti dei soggetti che entrano nell'anello di tufo evidentemente c'è stata perchè io credo che ci sia stato un abbassamento percentuale. La vita e la morte sono accidenti della vita, il cavallo è fatto per correre, noi lo tuteliamo, gli vogliamo bene, lo curiamo, ma pensare di non avere mai nessun tipo di problema è un'illusione in qualunque settore della nostra vita, familiare, economico. Questa è una tautologia che io non posso accettare. Ma soprattutto non posso accettare che sulla non conoscenza della nostra cultura ci si facciano pubblicità persone che sarebbe meglio che tacessero.

Il Consorzio ha emanato un comunicato stampa dove invita le persone a non rispondere sui social: lo trova un atteggiamento corretto o un po' anacronistico?
"Questa è una buona domanda. Diciamo questo, io come Amministrazione, come avete visto, non rispondo mai perchè credo che il livello istituzionale, qualunque esso sia, debba avere un atteggiamento di educazione e di del ruolo, non della persona, perchè si sta parlando di ruoli molto importanti. Mi viene in mente una vecchia frase di Oscar Wilde che diceva: non discutere mai con... la gente potrebbe non accorgersi della differenza. Credo che il Consorzio abbia sostanzialmente voluto dare questo tipo di messaggio. Secondo me è un messaggio corretto perchè noi cittadini senesi non ci dobbiamo abbassare a queste polemiche perchè soprattutto, cercare di spiegare a persone che non hanno voglia di approfondire, non hanno voglia di capire che cos'è Siena, la sua cultura, è tempo perso. Poi, sui vari comportamenti, sto facendo fare una raccolta, ma le risposte secondo me saranno diverse, almeno da parte del Comune ma certamente anche da parte del Consorzio con cui abbiamo unità d'intenti.

Come senesi, come contradaioli, ci sentiamo offesi, sentiamo offesa Siena con la sua civiltà, con i suoi mille anni di storia e di cultura. E' pensabile fare qualche azione legale eclatante, come ad esempio una class action, come un costituirsi tutti parte civile e sentirsi tutti offesi, calunniati e anche minacciati. Perchè questa è una campagna di odio anche personale contro i senesi, contro le persone, contro una comunità. Ora non voglio dire contro un'etnia ma contro un'etnia culturale forse sì.
"La class action credo che tecnicamente non sia possibile, non l'ho approfondito. La mia Amministrazione la indirizzo, ma non voglio indirizzare le persone. Avete visto anche, se mi permettete una piccola chiosa, che con me la libertà di espressione è assolutamente garantita a tutti i livelli sempre, perchè credo che la stampa abbia proprio l'obbligo di rilevare le manchevolezze e le lacune che sempre ci sono in qualunque Amministrazione e sicuramente ce n'è nella mia. Che poi i cittadini faranno le loro scelte individuali che io non mi posso permettere... perchè questa è un'amministrazione democratica, questa è un'amministrazione che non si permette di dire ai cittadini quello che devono o non devono fare. Mi piacerebbe certo che anche i cittadini fossero tutti insieme con l'amministrazione comunale contro questo tipo di accuse  assolutamente gratuite. A quel punto si puo' costituirsi parte civile e gestire da un punto di vista processuale questa vicenda. Ma non è di questo che sto parlando perchè già questo mi pare quasi uno schema difensivo. Io sto parlando che queste persone non si devono permettere di usari questi toni nei confronti della nostra città. Questo è il punto, e anche i politici locali, e ringrazio tutti quelli che hanno aderito alla difesa della città, ma quelli che non hanno o non vogliono aderire alla difesa della città si devono rendere conto che fanno il male della città a prescindere che io gli possa essere simpatico oppure no. In questo momento siamo oltre. Io in Consiglio comunale ho chiesto a tutti di collaborare per questo Palio Straordinario, andate a sentirvi le registrazioni ma certamente lo sapete, perchè il Palio supere gli aspetti politici.

CLINICA VETERINARIA DEL CEPPO

Il Comune di Siena ha sempre mostrato una particolare sensibilità per la tutela dei cavalli  impegnati per correre il Palio. Grande attenzione è stata quindi posta non solo per limitare il numero degli incidenti, ma anche per minimizzarne le conseguenze e consentire il pieno recupero dei cavalli infortunati. Al pari di ogni atleta il cavallo può essere infatti soggetto a traumi che possono essere risolti anche attraverso un pronto e qualificato intervento.
E’ così che fin dal lontano 1993 il Comune di Siena ha in essere una convenzione con la clinica veterinaria “Il Ceppo” che originariamente si trovava in località “S. Piero in Barca”. Successivamente la sede della Clinica si è spostata nel Comune di Monteriggioni, alle porte di Siena; la clinica si è dotata nel tempo delle più moderne attrezzature diagnostiche e naturalmente di una funzionale sala operatoria.
La Clinica Veterinaria “Il Ceppo” è tuttora la struttura di riferimento dell’Amministrazione comunale, velocemente raggiungibile da Piazza del Campo per ospitare i cavalli che necessitano di cure durante i giorni del Palio. Nel caso di infortunio il cavallo viene immediatamente trasferito presso la struttura veterinaria dove viene sottoposto ad approfondimenti diagnostici quali radiografie, ecografie, endoscopie, analisi del sangue e se indispensabile ad intervento chirurgico ed alle successive terapie post-operatorie. La struttura è a disposizione del Comune di Siena non solo durante i giorni del Palio ma anche in occasione delle corse organizzate in provincia durante l’anno alle quali partecipano i cavalli iscritti al Protocollo.

PENSIONARIO 
Con una convenzione stipulata nel 1991 tra il Comune di Siena e il Ministero delle Politiche Agricole e Forestali il Corpo Forestale dello Stato si occupa dei cavalli del Palio di Siena che giungono al termine della loro carriera o che hanno subito un infortunio e non possono partecipare a corse. Gli animali vengono adottati e ospitati per tutta la durata della loro vita a Radicondoli, un paesino nella campagna senese, presso un pensionato del Corpo dove trovano una struttura che li accoglie, un veterinario e tutte le attenzioni.
Alcuni di questi cavalli sono diventate poi fattrici.
I cavalli infortunati diventano in alcuni casi proprietà del Comune e vengono ospitati al pensionario.

Ambulanza per il trasporto dei cavalli
 
Siena grazie ad una Convenzione tra il Comune ed il Consorzio per la Tutela del Palio di Siena ha introdotto una ambulanza destinata al trasporto dei cavalli in occasione dei lavori e delle corse di addestramento, delle Prove e dei Palii. Il tutto nell’ottica di garantire un’ulteriore tutela del benessere dei cavalli. L’ambulanza veterinaria, dotata di adeguate strutture per il pronto intervento e adibita al trasporto cavalli, è di proprietà del Consorzio di Tutela del Palio di Siena.
 
sienafreewhatsapp2

GUARDA ANCHE


SOCIAL e SERVIZI

Facebook_RoundWhatsapp_free_social_media_icon_roundInstagram_round_social_media_icon_freeTwitter_round ico-zodiacoicons_separatorico_cinemaicons_separatorico-viabilitaicons_separatorico_farmaciaicons_separatorico_meteo
oroscopo  cinema    viabilità     farmacie     meteo
banner_paliodisiena_photography-sienafree
priori-aquila
300x250_estra_10agosto2018

IL PALIO E LE CONTRADE DI SIENA

drappellone400Aquila AQUILA
Bruco BRUCO
Chiocciola CHIOCCIOLA
Civetta CIVETTA
Drago DRAGO
Giraffa GIRAFFA
Istrice ISTRICE
Leocorno LEOCORNO
Lupa LUPA
Nicchio NICCHIO
Oca OCA
Onda ONDA
Pantera PANTERA
Selva SELVA
Tartuca TARTUCA
Torre TORRE
Valdimontone VALDIMONTONE

Palio 20 ottobre 2018 - Gian Marco Montesano - Tartuca
fotostudiosiena

SEGUICI SU FACEBOOK

SEGUICI SU TWITTER

Gli stemmi, i colori delle Contrade e le immagini del Palio sono utilizzati con l'approvazione del

logoconsorziotutelapalio_nuovo120

CONSORZIO PER LA TUTELA DEL PALIO DI SIENA
 Via di Città, 36 - 53100 Siena SI - Italy
 Tel. +39 0577 43875 Fax +39 0577 43875
E-mail: ctps@ctps.it

 Ogni altro uso o riproduzione sono vietate salvo espressa autorizzazione del Consorzio.