Sabato, 7 dicembre 2019
Banner
Banner
PROVINCIA - PIENZA

Umanesimo in Val d'Orcia: arte, musica, poesia, gusto a Pienza

Bookmark and Share
palazzopiccolomini2019_cortileLa luce che il paesaggio della Val d’Orcia emana su Pienza è al centro della concezione del papa umanista Pio II applicata, grazie all’architetto Bernardo Rossellino e secondo le teorie di Leon Battista Alberti, per la costruzione della città ideale del Rinascimento.

Per volontà di Enea Silvio Piccolomini Pienza sarebbe dovuta diventare un locus amoenus dove praticare l’otium latino, un luogo cioè di tranquillo distacco dalla corte romana dove poter riflettere immersi nella bellezza dell’architettura e del paesaggio, dedicarsi alla cultura e alle arti e trattare con maggiore serenità i rapporti umani, di carattere diplomatico e di ambito privato.

Il sogno umanistico di Pio II si interruppe quando il Papa morì nel 1464. I cardinali a lui più vicini, detti ‘pieschi’, si impegnarono nel portare avanti il programma dell’amico Piccolomini e continuarono a eleggere Pienza come luogo di villeggiatura.

All’inizio del Novecento la città ideale visse un periodo di rinnovato splendore per volontà del conte Silvio Piccolomini e della moglie Anna che, grazie al sensibile interesse verso le arti del Rinascimento, seguirono i festeggiamenti del cinquecentenario della nascita del Papa, restaurarono Palazzo Piccolomini e richiamarono su Pienza l’attenzione di ospiti prestigiosi.

Il poeta contemporaneo Mario Luzi soggiornò a lungo a Pienza scegliendola anch’egli come luogo di otium, “per far riposare lo spirito tenendolo in attività…” dove “tutto favorisce la concentrazione sui grandi valori e sulla precarietà che minaccia la vita religiosa stessa”, “dove la luce sembra rendere leggibile ciò che prima era confuso: la materia quasi si elabora nella luce conun rapporto non di contrasto insanabile, ma di simbiosi”.

palazzopiccolomini2019_650vQuesti i temi che ispirano il ciclo di eventi a Palazzo Piccolomini e a Palazzo Borgia – Museo Diocesano, sono promossi dal Comune di Pienza, dalla Fabbriceria della Chiesa Cattedrale di Pienza, dalla Società di Esecutori Pie Disposizioni, dalla Fondazione Musei Senesi, e organizzati da Opera-Civita con Elicona.

Il ciclo di conferenze, concerti e visite guidate dal titolo Umanesimo in Val d’Orcia. Arte, musica, poesia è espressione del progetto Pienza Città di Luce, rivolto alla valorizzazione della città ideale di Pio II nella sua interezza e che si ispira alle finalità per cui il luogo fu concepito: sarà l’occasione infatti di ascoltare studiosi e musicisti che amano il loro territorio e che da esso traggono ispirazione per il loro lavoro e la loro arte.

Il primo incontro si terrà sabato 19 ottobre alle 16,30 nel cortile di Palazzo Piccolomini con Graziella Palei, la restauratrice del prezioso piviale di Pio II. Dopo aver illustrato le fasi dell’accurato lavoro di restauro e avere introdotto le caratteristiche tecniche del prezioso manufatto, i partecipanti potranno ammirare da vicino il piviale conservato a Palazzo Borgia. Nel giardino di Palazzo Piccolomini sarà poi servito un aperitivo con degustazione di prodotti locali e dei vini Rosso e Brunello di Montalcino della Abbadia Ardenga.

Domenica 27 ottobre alle ore 15,00 in occasione di Aromi d’autunno da Palazzo Borgia partirà una visita guidata alla scoperta dei luoghi di Pienza Città di Luce a cura di Lucia Pelosi. I partecipanti saranno accompagnati lungo il percorso che da Palazzo Borgia si snoderà in Piazza Pio II, Palazzo Piccolomini con il giardino pensile e la loggia sulla Val d’Orcia, la Cattedrale di Santa Maria Assunta e la cripta della Cattedrale.

Alle seguire, nel cortile di Palazzo Piccolomini, l’ensemble Early Ecohes composto da Giampiero Allegro e Gaetano Schipani (flauto dolce) eseguirà musica rinascimentale del periodo di Pio II nell’intermezzo dal titolo: Il Rinascimento musicale al tempo di Pio II, mentre in giardino sarà possibile degustare delle calde tisane.

Domenica 3 novembre alle ore 11, 00 nel cortile di Palazzo Piccolomini sarà la volta dello studioso pientino Fabio Pellegrini, autore di numerosi saggi sulla vita di Pio II e dei cardinali cosiddetti ‘Pieschi’ con la conferenza dal titolo: Pio II, l’Umanesimo prese il potere. Vita pubblica e privata di un Papa umanista. L’intervento di Pellegrini si concentrerà sulle doti diplomatiche di Pio II e sulle capacità umane del Papa nel tenere relazioni pubbliche e private.

Al termine della conferenza Ugo Sani (voce e tastiera), Diego Perugini (chitarra e basso), Luca Ravagni (sax e clarinetto), si esibiranno nella performance dal titolo: Canzoni per un nuovo umanesimo.

Nel giardino di Palazzo Piccolomini sarà servito un brunch con degustazione di prodotti locali e dei vini Rosso e Brunello di Montalcino della Abbadia Ardenga.

palazzopiccolomini2019_veduta-giardinoIl 10 novembre alle ore 11,00 Nino Petreni, in collaborazione col Centro Studi Mario Luzi La Barca, presenterà nel cortile di Palazzo Piccolomini un intervento dal titolo Mario Luzi a Pienza: Mito e realtà - La Barca in Val d’Orcia. Alberto Rossatti leggerà dall’opera poetica di Mario Luzi; nell’occasione verranno esposti i manoscritti originali della raccolta La Barca.

A seguire nel giardino di Palazzo Piccolomini sarà servito un piccolo brunch con degustazione di prodotti locali e dei vini Rosso e Brunello di Montalcino della Abbadia Ardenga.

Il 17 novembre 2019 alle ore 11.00 a Palazzo Borgia – Museo Diocesano si terrà la conferenza di Gabriele Fattorini, direttore del Museo sul tema: Collezioni e dispersioni. La storia di alcuni dipinti della collezione del Museo Diocesano di Palazzo Borgia.

Nelle immagini Palazzo Piccolomini
 
GUARDA ANCHE

SOCIAL e SERVIZI

Facebook_RoundWhatsapp_free_social_media_icon_roundInstagram_round_social_media_icon_freeTwitter_round

ESTRA NOTIZIE

estra300x250-80
fotostudiosiena

SEGUICI SU FACEBOOK