Sabato, 21 settembre 2019
Banner
Banner
sienafreewhatsapp650x80
PROVINCIA - POGGIBONSI

#socialcontrol, al via a Poggibonsi il progetto di ''sicurezza condivisa e partecipata''

Bookmark and Share
Doppio incontro di presentazione: il 4 marzo a Poggibonsi e il 5 a Staggia
Bussagli: “Alla base la collaborazione di cittadini, Polizia Municipale, Forze dell'Ordine per concorrere al rafforzamento del sistema di protezione sociale”

DavidBussagli-sindaco2014Prende il via con un doppio incontro di presentazione il progetto “Controlliamo insieme il quartiere. #socialcontrol” definito dalla Polizia Municipale. “Un progetto di sicurezza condivisa e partecipata che si basa sulla collaborazione tra cittadini, Polizia Municipale e Forze dell’Ordine – dice il Sindaco David Bussagli – L’obiettivo è quello di concorrere anche con questo strumento alla costruzione di un più ampio sistema di sicurezza urbana. Iniziamo a presentarlo per dare il via ai vari passaggi in cui il progetto si articola”. I due incontri già in programma sono lunedì 4 marzo presso la sala Set del Politeama e martedì 5 marzo a Staggia Senese presso la sala situata sopra il bar Italia in via Romana. Entrambi gli incontri saranno alla 21.

Obiettivo del progetto è fornire un ulteriore contributo all’attività di prevenzione generale e di controllo del territorio istituzionalmente svolta dalle Forze di Polizia, implementare le tradizionali linee di intervento a tutela dell’ordine e della sicurezza pubblica, mediante la valorizzazione di forme di controllo sociale del territorio comunale, incrementare i livelli di consapevolezza dei cittadini circa le problematiche del territorio e le proprie vulnerabilità, promuovere una sicurezza partecipata attraverso formule e modalità di reciproca attenzione e vicinato solidale, favorire la coesione sociale e solidale.

Il progetto ha una articolata struttura in capo al responsabile che è il Comandante della Polizia Municipale che ha il compito di coordinarne lo sviluppo e  la diffusione valutando periodicamente eventuali migliorie e modifiche procedurali utili per implementarne l’efficacia. Attraverso Gruppi di vicinato, Referenti, Comune e Forze di Polizia statali e locali si punta a migliorare  il controllo del territorio e la sicurezza delle aree coinvolte mediante attività di segnalazione dei potenziali rischi che possano compromettere anche la vivibilità, nonché a  favorire lo sviluppo di una cultura della partecipazione alle tematiche della sicurezza urbana, a  rafforzare il rapporto di collaborazione tra cittadini e Istituzioni, promuovendo l'educazione alla convivenza, il rispetto della legalità, il dialogo tra le persone, l'integrazione,  l'inclusione sociale e la coesione sociale nonché il  recupero di rapporti di vicinato improntati alla collaborazione e al mutuo supporto. Il progetto punta anche alla individuazione delle vulnerabilità strutturali, ambientali e comportamentali che  rappresentano sempre una opportunità per gli autori di  reato.

Il cittadino aderente, in virtù della conoscere dei luoghi, degli spazi, delle persone e delle situazioni che lo caratterizzano, sarà chiamato a prestare attenzione a quello che avviene nella propria area di competenza nella vita quotidiana e a collaborare con le forze di Polizia segnalando tramite il Referente situazioni inusuali o comportamenti sospetti. Sarà chiamato a collaborare con i vicini attraverso comportamenti di reciproca assistenza (sostegno ai vicini anziani e soli, ritiro della posta in caso di assenza, sorveglianza reciproca delle case), a creare un canale di comunicazione per scambiare rapidamente informazioni tra vicini e riversarle al referente del gruppo, individuare i “fattori di rischio ambientale” secondo i criteri indicati dalle Forze di Polizia che favoriscono furti e truffe. Sarà il responsabile a coadiuvare le azioni dei referenti.  Sarà il Comune inoltre, tramite il responsabile del progetto, a raccogliere le adesioni, effettuare gli incontri, formare ed informare i referenti e coadiuvarli nella creazione ed organizzazione dei gruppi, predisporre la relativa modulistica e cartellonistica. “Un progetto – dice il sindaco - che si inserisce in un complesso di azioni integrate messe in campo, da quelle di prevenzione sociale a quelle di presidio e di videosorveglianza, per contribuire alla sicurezza urbana”.
 
sienafreewhatsapp2
GUARDA ANCHE

SOCIAL e SERVIZI

Facebook_RoundWhatsapp_free_social_media_icon_roundInstagram_round_social_media_icon_freeTwitter_round

ESTRA NOTIZIE

estra300x250-80
fotostudiosiena

SEGUICI SU FACEBOOK

SEGUICI SU TWITTER