Martedì, 19 novembre 2019
Banner
Banner
PROVINCIA - POGGIBONSI

Prodotti non sicuri, la Guardia di Finanza sequestra 900 accessori al mercato di Poggibonsi

Bookmark and Share
guardiadifinanza-mercato2019Continua l’attività di monitoraggio dei finanzieri del Comando Provinciale di Siena a contrasto della contraffazione, dell’abusivismo commerciale e della sicurezza dei prodotti. In tale contesto l’attività svolta dai finanzieri nell’ambito dei servizi volti al controllo economico del territorio, inserita anch’essa nel piano di intensificazione dei controlli estate 2019, ha portato al sequestro di circa 900 accessori per l’acconciatura dei capelli non rispondenti ai requisiti minimi della sicurezza.

Nell’ambito del mercato settimanale di Poggibonsi, è stata individuata una imprenditrice cinquantenne che aveva posto in commercio accessori in plastica e stoffa, non rispondenti ai dettami previsti dal “Codice del Consumo”, in quanto sprovvisti delle informazioni minime identificative del prodotto che debbono essere presenti, in modo visibile e leggibile, sulle confezioni o sulle etichette degli stessi, quali il produttore o importatore, il Paese di origine e la natura dei materiali impiegati per la loro realizzazione.

La presenza di queste informazioni garantisce al consumatore la consapevolezza di ciò che sta acquistando e soprattutto la sicurezza per la salute nell’utilizzo del prodotto. Tali indicazioni sono obbligatorie e vincolano la commercializzazione dei beni su tutto il territorio nazionale.

All’imprenditrice non in regola dopo il sequestro amministrativo dei prodotti non conforme alla normativa vigente è stata comminata una sanzione amministrativa da 516 a 25.823 euro.

"L’azione preventiva e repressiva attuata dalla Guardia di Finanza a tutela della sicurezza dei prodotti in commercio - spiegano le Fiamme Gialle senesi -, coerentemente alle linee di indirizzo impartite dall’autorità di vertice del Corpo, tende anche a ridurre gli effetti distorsivi sul mercato derivanti dal commercio di prodotti illeciti a basso costo, a vantaggio di tutte le imprese che pongono in vendita prodotti sicuri provvisti di regolare etichettatura e che pertanto subiscono gli effetti di una concorrenza sleale. L’attività svolta testimonia ancora una volta il costante sforzo operativo del Corpo alla salvaguardia della legalità economica."
 
GUARDA ANCHE

SOCIAL e SERVIZI

Facebook_RoundWhatsapp_free_social_media_icon_roundInstagram_round_social_media_icon_freeTwitter_round

MESSAGGIO AGLI UTENTI DEL SERVIZIO WHATSAPP

Da una 15ina di giorni non è più attivo il nostro servizio di invio notizie su whatsapp in quanto l'azienda ha bloccato il nostro numero. Dopo numerose richieste per capire il motivo ci hanno risposto, dopo 10 giorni, adducendo una presunta "violazione dei termini del servizio" specificando la vendita di prodotti non consentiti. Ora, inviando SOLAMENTE notizie, e avendo letto la corposa lista delle vendite vietate per cercare di capire un motivo per tale violazione, deduciamo che, per qualche geniale algoritmo di qualche geniale software, articoli tipo "arrestato spacciatore di cocaina" vengano considerati come vendita... ma ripetiamo, sono solo deduzioni che facciamo. Avendo spiegato nei dettagli il tutto al dis-servizio assistenza abbiamo ricevuto zero risposte e il numero è tuttora bloccato. Siamo dispiaciuti per la situazione e ci scusiamo con i 3.000 utenti del servizio soprattutto per non poter avvertire direttamente a causa del blocco del numero. Speriamo che quanto prima la situazione sia chiarita in modo da poter ripristinare il servizio. Grazie mille.

ESTRA NOTIZIE

estra300x250-80
fotostudiosiena

SEGUICI SU FACEBOOK