Domenica, 21 aprile 2019
Banner
Banner
PROVINCIA - RAPOLANO TERME

Fusione Asciano e Rapolano Terme: via libera al referendum

Bookmark and Share
All’unanimità la commissione Affari istituzionali, presieduta da Giacomo Bugliani (Pd), ha formulato il quesito sull’istituzione del nuovo Comune delle Crete Senesi, richiesta da una proposta di legge di iniziativa popolare

asciano-rapolano“Siete favorevoli all’istituzione del Comune delle Crete Senesi, per fusione dei Comuni di Asciano e Rapolano Terme, di cui alla proposta di legge regionale d’iniziativa popolare n. 5?”. Sarà questa la domanda cui dovranno rispondere i cittadini dei Comuni interessati, presto chiamati alle urne.

All’unanimità la commissione Affari istituzionali, presieduta da Giacomo Bugliani (Pd), ha deciso di procedere con il referendum e ha formulato il relativo quesito. Il consigliere Marco Casucci (Lega Nord) non ha partecipato alla votazione. La proposta di legge è stata sottoscritta da 2.718 firme, di cui 1.409 di cittadini residenti nel Comune di Asciano e 1309 nel Comune di Rapolano. Il nuovo Comune avrebbe una popolazione di 12.381 abitanti ed il sindaco sarebbe affiancato da una giunta di cinque assessori, con un consiglio comunale di sedici consiglieri.

La decisione è giunta al termine di una lunga serie di audizioni, iniziata con quella del comitato promotore, rappresentato da Donato Chiezzi e Sergio Valtambrini, che hanno spiegato le ragioni dell’iniziativa. Sono quindi stati ascoltati i sindaci dei due Comuni interessati: Paolo Bonari (Asciano) ed Emiliano Spanu (Rapolano Terme), seguiti dal Comitato per il No, rappresentato da Alessandro Starnini, consigliere regionale dal 2000 al 2010. Le audizioni si sono concluse con i sindaci di  Montalcino, Silvio Franceschelli, e di Monteroni d’Arbia, Gabriele Berni.

Alla luce di quanto emerso dalle audizioni, il presidente Bugliani ha annunciato che la delibera sull’indizione del referendum sarà accompagnata in aula da un ordine del giorno, nel quale si precisa che per la fusione è necessaria la maggioranza dei voti favorevoli in ciascuno dei due comuni. Il Consiglio si riserverà, inoltre, in caso di esito favorevole, di valutare l’opportunità della fusione, in considerazione del nome scelto dal comitato promotore, sul quale sono state sollevate diverse perplessità da parte di più soggetti.
 
sienafreewhatsapp2

GUARDA ANCHE


SOCIAL e SERVIZI

Facebook_RoundWhatsapp_free_social_media_icon_roundInstagram_round_social_media_icon_freeTwitter_round
300x250_estra_19marzo2019

ESTRA NOTIZIE

fotostudiosiena

SEGUICI SU FACEBOOK

SEGUICI SU TWITTER