Domenica, 21 aprile 2019
Banner
Banner
PROVINCIA - RAPOLANO TERME

Serre di Rapolano, i giovani dicono No alla fusione: ''Ne va del nostro futuro del nostro paese, non sacrificate la nostra comunità''

Bookmark and Share
Martedì 30 ottobre, incontro pubblico al teatro Gori: presenti Simone Rimondi, consigliere di Valsamoggia (Bologna), Marco Buselli, sindaco di Volterra, e Sergio Staderini, ex sindaco di Figline Valdarno

asciano-rapolanoRitrovarsi per dialogare e confrontarsi sul futuro della propria comunità. Questo ciò che hanno fatto un gruppo di giovani abitanti di Serre, di età compresa tra i 25 e i 40 anni, in merito al dibattito sulla fusione dei Comuni di Rapolano Terme e Asciano. Il confronto ha portato a produrre un documento che si oppone in maniera decisa alla fusione. “Diciamo no alla fusione, perché ne va del nostro futuro: non vogliamo vedere sacrificata la nostra comunità”. Questo è quanto si può leggere nel documento firmato da Elisa Morbidelli, Mattia Fanetti, Mattia Leonardi, Giulia Dema, Giulia Russo, Valentina Terzini e Veronica Quinci, e che prosegue: “Questa proposta di legge corre dietro a incentivi incerti e temporanei per sbarcare il lunario per qualche anno, sacrificando storie e tradizioni di comunità secolari”.

A non convincere i giovani abitanti di Serre - scrive il comitato del No - è soprattutto la sostenibilità economica del progetto di fusione. “Qui si paventano asfalture, nuove scuole, infrastrutture ecc... Ma nessuno sa realmente quali sono i costi reali di questi interventi. E con cosa verranno finanziati? Con gli incentivi per la fusione? La manutenzione dei nostri patrimoni, che oggi è in realtà quello che più necessitiamo e chiediamo, con cosa sarà finanziata? Con gli incentivi? Si tratta di risorse che, se erogate, al massimo potranno arrivare al 7% del bilancio dei due Comuni. Impossibile credere di poter fare così tanto”.

“Non è solo una questione identitaria - prosegue il documento -: sappiamo benissimo quanto oggi sia difficile governare i territori con le poche risorse che vengono messe a disposizione. Però crediamo che per un’operazione del genere ci siano aspetti cruciali da tenere in considerazione. Perché non sono state coinvolte le amministrazioni comunali? Tasse e servizi come verranno uniformati? Con quali risorse? Tutte domande a cui i promotori della fusione non sanno dare risposta. Per questo voteremo NO al referendum dell’11 e 12 novembre”.

Uno spunto, quello dei giovani abitanti di Serre, che ha lanciato l’idea per fare un’iniziativa pubblica al teatro Gori a Serre: appuntamento per martedì 30 ottobre, alle ore 21:00. Presenti Simone Rimondi, consigliere di Valsamoggia (Bologna), Marco Buselli, sindaco di Volterra, e Sergio Staderini, ex sindaco di Figline Valdarno: i tre relatori porteranno la loro esperienza e le loro conoscenze sulle esperienze negative in materia di fusioni di comuni.
 
sienafreewhatsapp2

GUARDA ANCHE


SOCIAL e SERVIZI

Facebook_RoundWhatsapp_free_social_media_icon_roundInstagram_round_social_media_icon_freeTwitter_round
300x250_estra_19marzo2019

ESTRA NOTIZIE

fotostudiosiena

SEGUICI SU FACEBOOK

SEGUICI SU TWITTER