Venerdì, 7 agosto 2020
Banner
Banner
sienafreewhatsapp650x80
SALUTE E BENESSERE

Associazione Regionale delle ASP su modifica Statuto ASP Siena

Bookmark and Share
campansi650"Abbiamo appreso dalla stampa che da pochi giorni Il Consiglio comunale di Siena ha cambiato direttamente lo Statuto dell’ASP Città di Siena." Così interviene il presidente ARET-ASP, Renzo Venturini.

"Come ARET-ASP (Cioè l’Associazione regionale delle ASP–Aziende Pubbliche dei Servizi alla Persona) vorremmo esprimere alcune perplessità in merito. Ci sembra che la decisione assunta dall’Amministrazione comunale, senza una proposta in merito del Consiglio dell’Amministrazione dell’ASP, sia in contraddizione con le normative regionali in merito.

La legge regionale 43/2004 è chiara: la proposta di modifica statutaria deve essere promossa dal CdA dell’Asp e successivamente approvata dal comune (art. 19, comma 5, lettera h). Invece in questo caso il consiglio comunale ha agito senza la proposta del CdA, un CdA che tra l’altro vede dimissionari la presidente e due consiglieri, quindi di fatto impossibilitato a deliberare considerato che è composto da cinque membri.

Quindi, sulla possibilità di cambiare lo Statuto riteniamo sia corretto che i mutamenti siano prima decisi dagli organi delle ASP e solo dopo approvate dal Comune. L’ASP, secondo noi, non è un ente strumentale del Comune né una partecipata, ma è un soggetto con propria personalità giuridica e totale autonomia, sulla quale il Comune ha solo il compito di vigilare e di controllare il corretto andamento della gestione.

Anche nel merito delle modifiche esprimiamo le nostre riserve, perché viene messo in discussione un principio basilare di separazione fra il potere gestionale e quello politico, avendo agganciato la decadenza del direttore con quello del presidente, mentre la Legge Regionale lo lega all’intero CdA. Questo è un elemento importante per potere garantire un principio già previsto dagli anni Novanta nella Pubblica Amministrazione, cioè il principio inviolabile della indipendenza dalla gestione tecnica rispetto alla politica.

Senza volere entrare nel merito delle polemiche che si sono registrate in merito a questa modifica vogliamo contestare però il principio che un Comune possa mettere in discussione l’autonomia delle ASP, perché proprio l’autonomia è stata il cardine della riforma della trasformazione delle IPAB in ASP, che sono viste dalle normative come Aziende autonome con propria capacità organizzativa e gestionale, che puntano anche all’autonomia giuridica, finanziaria e contabile.

Chiediamo quindi una verifica delle modalità e delle modifiche apportate allo Statuto ed una discussione in merito, nella quale anche noi, come associazione delle ASP, abbiamo un nostro punto di vista, che riteniamo sia opportuno considerare per non permettere una messa in discussione a livello regionale della riforma approvata nel 2004 e alla Regione Toscana di verificare la legittimità e la correttezza dell’operato ed eventualmente di intervenire nell’ambito delle proprie competenze in materia."
 
sienafreewhatsapp2
GUARDA ANCHE

SOCIAL e MESSENGER

Facebook_Round Twitter round Instagram_round_social_media_icon_free Telegram round Whatsapp_free_social_media_icon_round

''La sospensione di un attimo''

ESTRA NOTIZIE

estra300x250-80
sienafreewhatsapp300X200
fotostudiosiena

SEGUICI SU FACEBOOK