Giovedì, 29 Giugno 2017
Banner
Banner
Ultime Notizie
Banner
SALUTE E BENESSERE - SALUTE
E-mail Stampa PDF

Scaramelli, su proposta di legge vaccinazioni ora pausa di riflessione

Bookmark and Share
Il presidente della commissione Sanità al termine della giornata di audizioni di genitori, comitati e associazioni contrari all’obbligo vaccinale: “Serve legge attenta, oculata, frutto di consapevolezza. Probabile obbligo al nido, non alla scuola materna”

vaccinazione-siringa650Vaccinazioni obbligatorie: quella di oggi è stata la giornata dedicata alle audizioni di genitori, associazioni contrari alla proposta di legge che intende introdurre in Toscana l’obbligo alle vaccinazioni per far accedere i bambini al nido e alla scuola materna. La commissione regionale Sanità, presieduta da Stefano Scaramelli (Pd), ha ascolto oltre ottanta voci: 48 audizioni al mattino, 39 nel pomeriggio, nelle cinque e mezza della seduta.

“Ora serve una pausa di riflessione, ci diamo i tempi necessari. Tra aprile e maggio, i consiglieri avranno modo di maturare le loro proposte e emendamenti. Quella di oggi è stata una bella giornata di ascolto”, ha detto Scaramelli a conclusione dei lavori. Ciò che serve, ha spiegato il presidente a margine della seduta, è arrivare alla stesura di una “legge attenta, oculata, che deve essere il frutto della consapevolezza, e della coscienza di quello che si sta facendo”. La strada è che “non si può imporre niente, bisogna distinguere bene le questioni”. Tra le line indicate dal presidente, una distinzione tra asilo nido e scuola materna: “Agli asili nido vanno ogni giorno circa 24mila bambini, alle materne 94mila. Il 97% dei toscani sceglie un percorso formativo delle materne. All’asilo ci va il 30% dei nostri figli”.

L’ipotesi di lavoro, secondo Scaramelli, è che si possa “correlare l'obbligo normativo al nido, ma non è detto che si debba farlo per la scuola materna”. Allo stato attuale, “i dati ci dicono che per alcuni vaccini ci potremmo trovare con 20mila bambini che non vanno alle materne e non si risolverebbe il problema”. Quello che sicuramente serve, ha proseguito il presidente della commissione Sanità, è un “processo culturale di consapevolezza in chi volontariamente sceglie. Magari – ha detto ancora Scaramelli – sarebbe utile favorire uno sviluppo per quei vaccini che riguardano patologie che stanno emergendo. Penso al numero e alle casistiche del morbillo, o di altre patologie come la meningite per i quali le vaccinazioni si possono fare nei primi anni di vita”.

“Sono favorevole alle vaccinazioni, ho vaccinato i miei figli. Questa, però, è una legge malfatta, presenta dubbi di costituzionalità, ma anche di contenuti”, così il vicepresidente della commissione, Stefano Mugnai (Forza Italia). “La sensazione è che più che innalzare le percentuali della popolazione vaccinata, si voglia dare un messaggio rispetto all’impasse della Sanità toscana sui casi di meningite. Così, corriamo il rischio di rafforzare le posizione di coloro che sono contro le vaccinazioni”.

“Sono pediatra di professione e favorevole alle vaccinazioni. Anche l’associazione di più vaccini non è un pericolo, ma introdurre l’obbligo per legge non è una buona strada”, ha detto il consigliere Paolo Sarti (Sì-Toscana a sinistra). “I migliori risultati si sono raggiunti quando non si distingueva tra vaccini obbligatori e consigliati. Andare ad una guerra, contro una percentuale di genitori che rimane piccola, non vale la pena e rischia di trascinare anche gli indecisi sulle posizioni più oltranziste. Ci basta poco per arrivare alla soglia del 95 per cento di popolazione vaccinata”.

Anche il consigliere Andrea Quartini (Movimento 5 stelle) si dichiara “favorevole alle vaccinazioni, come si potrebbe non esserlo per una delle più grandi conquiste della medicina?”. Ma, osserva il consigliere, “quando in sanità ci si trova a dover ricorrere all’obbligo, si certifica il proprio fallimento. Meglio proporre buone campagne promozionali, corrette dal punto di vista scientifico. Con il consenso dei genitori si possono raggiungere le più alte soglie di vaccinazione”.

E i tanti genitori che si sono susseguiti nel corso della seduta hanno espresso per lo più richieste di maggiori informazioni e rassicurazioni. Un bisogno di “approfondimento e informazione completa, che di solito non viene fornita”, come ha detto Mila Cecconi, di “migliorare l’informazione” come strada migliore “per aumentare il consenso e le vaccinazioni”, ha aggiunto Rosanna Mascia. Con la preoccupazione diffusa, “che si stia creando una caccia alle streghe”, secondo Alessio Vitali, e la richiesta di “evitare una pericolosa contrapposizione tra genitori pro e contro le vaccinazioni”, secondo Antonio Di Marco. Per Nella Giustina, “questa legge non assomiglia alla Toscana, sempre coraggiosa e netta nel riconoscere i diritti”. L’effetto immediato che più spaventa i genitori è “trovarmi a dover spiegare al mio bambino che non potrà più andare all’asilo”, come hanno detto Valerio Cozzolini e molti altri.

Con le audizioni di oggi, si conclude la fase di ascolto, la commissione riprenderà il lavoro sulla proposta di legge in aprile, come spiegato da Scaramelli. Nella seduta della passata settimana, la commissione aveva tenuto consultazioni sullo stesso tema, sentendo ventiquattro rappresentanti di Agenzia regionale di sanità, Aziende sanitarie, Meyer, ordine dei medici, associazioni pediatriche, aziende pubbliche dei servizi alla persona, società della salute, associazioni, organizzazioni sindacali, lega delle cooperative.
 

GUARDA ANCHE


Diventa fan su facebook Seguici su twitter
ico-zodiacoicons_separatorico_cinemaicons_separatorico-viabilitaicons_separatorico_farmaciaicons_separatorico_meteo
oroscopo cinema viabilità farmacie meteo
banner-web-300x250-01-B_2_2
300x250_estra_SIENA_FREE
fotostudiosiena

SEGUICI SU FACEBOOK

SEGUICI SU TWITTER