Venerdì, 24 maggio 2019
Banner
Banner
SIENA

Siena, il Consiglio comunale del 27 luglio 2018

Bookmark and Share
I lavori di venerdì 27 luglio a Palazzo Pubblico in continuo aggiornamento

sala-del-capitano-del-popolo_650Il Consiglio comunale di Siena si è riunito in seduta ordinaria venerdì 27 luglio, nella Sala del Capitano del Popolo di Palazzo Civico.

Questo l'elenco dei lavori dalla sala consiliare in continuo aggiornamento:


9) INTERROGAZIONE DI LUCA MICHELI SUL FORTINO DI BALDASSARRE PERUZZI

Si è incentrata sullo stato di conservazione e valorizzazione del Fortino senese, realizzato da Baldassarre Peruzzi, l’interrogazione presentata da Luca Micheli (PD).

<<Un monumento di interesse nazionale – come ha evidenziato – che presenta la necessità di interventi di manutenzione straordinaria a carico della cupola dove sono presenti tratti di vegetazione che, con il tempo, hanno provocato fessurazioni  tra i mattoni di rivestimento. Una situazione ulteriormente peggiorata a causa del forte temporale dello scorso marzo, che ha provocato il distacco di alcune parti dell’antico cornicione con la conseguente messa in sicurezza anche dell’area esterna che ha visto il restringimento della strada per  la collocazione di barriere tipo new jersey. Un contesto di pericolo per veicoli e pedoni>>. Per questi motivi il consigliere ha chiesto <<se da parte degli organi competenti si abbiano notizie sul completamento delle indagini tese a verificare lo stato di conservazione del Fortino; quando avverrà la rimozione del new jersey che provoca, tra l’altro, difficoltà di accesso alla fermata del trasporto pubblico, e se l’amministrazione intenda attivarsi per la valorizzazione di questo importante  monumento, gioiello dell’architettura militare del Rinascimento, attraverso progetti fra il Comune e la Difesa Servizi SpA, che ha la gestione del complesso architettonico ex Caserma S. Chiara>>.

<<Ho appurato i fatti – ha risposto l’assessore ai LL.PP. Massimo Sportelli – che sono avvenuti, lo scorso 12 marzo, durante la precedente Amministrazione quando, a causa di fortunale si staccavano alcuni pezzi di cornicione dal Fortino del Peruzzi. Dalle note pervenuteci a seguito del danno riportato il Comune veniva indicato, erroneamente, quale Ente gestore. Il Fortino, al contrario,  rientra nella consistenza della Caserma S. Chiara di proprietà del Demanio dello Stato in consegna al Ministero della Difesa>>. <<Pertanto – ha concluso – ogni opera di manutenzione deve essere curata dal Ministero della Difesa. Questa Amministrazione, tuttavia, si è già attivata per sollecitare i lavori per il recupero di questo importante manufatto e ripristinare la corrente viabilità stradale>>.

Luca Micheli si è dichiarato <<non soddisfatto a causa delle incertezze sulla tempistica dei lavori e il disagio creato dall’attuale situazione>>. Il consigliere ha inoltre evidenziato come il Fortino rappresenti un bene di valore storico-architettonico. <<Con il suo recupero si potrebbero anche  incentivare flussi turistici e culturali che andrebbero ad aggiungersi a quelli tradizionali che già interessano la città>>.



8) APPROVATE LE VARIAZIONI AL BILANCIO DI PREVISIONE DELLA BIBLIOTECA DEGLI INTRONATI

Approvata la delibera di salvaguardia ed assestamento del bilancio di previsione 2018/2020 della Biblioteca degli Intronati.

Le variazioni apportate hanno consentito, nello specifico, di applicare al bilancio 2018 dell’Istituzione comunale l’avanzo di amministrazione 2017 pari ad euro 59.625.

<<Con questa somma a disposizione – ha informato l’assessore al Bilancio Luciano Fazzi – si provvederà, tra l’altro, a realizzare un’idonea segnalazione interna alla Biblioteca; all’acquisto di materiali per la conservazione, manutenzione e restauro del patrimonio antico; ad integrare il capitolo dedicato alle manutenzioni ordinarie per provvedere alle spese relative agli adeguamenti impiantistici del locale che accoglierà la Libreria e studiolo commissionati da Giulio del Taja ad Agostino Fantastici di proprietà della Fondazione MPS; sostituire gli arredi, oramai usurati, della Biblioteca per bambini e ragazzi; e acquistare alcune attrezzature a completamento della dotazione necessaria al Gabinetto disegni e stampe e alla Biblioteca di storia dell’arte>>.

Le variazioni al bilancio di previsioni hanno, inoltre, riguardato, in alcuni casi, l’incremento, la  riduzione e l’azzeramento dello stanziamento di capitoli di entrata a spesa a seguito di sopravvenute modifiche tra le risorse disponibili e le spese previste.



7) APPROVATI GLI EQUILIBRI DI BILANCIO 2018/2020

E' stata approvata la delibera di salvaguardia e assestamento del bilancio di previsione 2018/2020 del Comune. L'Amministrazione, nonostante il recente insediamento, è riuscita a rispettare il termine perentorio del 31 luglio stabilito dalla normativa.

Come ha infatti informato l’assessore al Bilancio Luciano Fazzi: <<La variazione generale di assestamento e salvaguardia si è resa necessaria dopo una prima verifica degli andamenti della gestione di competenza dell’esercizio 2018, nonché delle variazioni richieste dai singoli uffici, così da recepire gli scostamenti di maggior rilievo, già verificati o  che potrebbero  verificarsi rispetto alle previsioni>>. L'assessore ha comunque precisato che <<trattasi di una variazione “tecnica” che non contiene, per il momento, le indicazioni proprie della nuova Amministrazione riservandosi di variare ulteriormente il bilancio entro i termini concessi dal Tuel >>.

Relativamente all’analisi effettuata Fazzi ha evidenziato alcune variazioni, tra le quali l’incremento dello stanziamento di entrata per dividendi da società partecipate a seguito dei risultati dell’esercizio 2017; l’adeguamento degli stanziamenti per la videosorveglianza cittadina; l’inserimento della previsione dei fondi sul “bando nazionale periferie”; la previsione di entrata e spesa di contributi regionali e di altri enti pubblici in materia di turismo, asili nido, trasporti e cultura; l’applicazione dell’avanzo di parte corrente per il finanziamento dei rinnovi contrattuali del personale dipendente.

Ha concluso evidenziando la <<sussistenza della copertura finanziaria per le spese di investimento e quindi l’effettiva realizzazione dei lavori  pubblici programmati>>.



6) CLAUDIO CERRETANI HA CHIESTO INFORMAZIONI SUI CRITERI DI ASSEGNAZIONE DEGLI ALLOGGI ERP

Claudio Cerretani (In Campo) ha chiesto informazioni circa il comunicato stampa dell’assessore al Sociale Francesca Appolloni con il quale la stessa esternava l’intenzione di modificare i criteri per l’assegnazione degli alloggi ERP, introducendo “una progressività che punti l’attenzione sull’anzianità di residenza nel Comune”. Il consigliere, ricordando che la materia è regolata da apposita legge regionale sulla quale il Comune di Siena nel 2015 ha approvato apposito Regolamento, ha chiesto di conoscere <<le verifiche che porrà in atto l’Amministrazione per l’applicabilità del requisito previsto dalla normativa regionale riguardante  “l’assenza di titolarità di diritti di proprietà, usufrutto, uso e abitazione su immobili ad uso abitativo ubicati nel territorio italiano o all’estero”.

Come ha evidenziato il consigliere <<si tratta di una verifica relativamente semplice se riguarda un cittadino italiano, molto ardua  invece per gli stranieri>>. Cerretani ha inoltre chiesto di conoscere come l’Ente  intenda procedere per modificare il Regolamento attualmente in essere.

In assenza dell’assessore Appolloni ha risposto il sindaco Luigi De Mossi, che ha dichiarato la libertà dell’assessore nell’esternare il suo pensiero.

<<Chiaramente – ha detto De Mossi - le modifiche agli aspetti tecnici, regolamentari o legali, relativi all’assegnazione degli alloggi ERP verranno concordate con le figure di riferimento di questo Ente, e proposte alla competente sede regionale>>.

Per quanto riguarda le verifiche relative all’assenza di titolarità di diritti di proprietà, usufrutto, uso e abitazione su immobili ad uso abitativo ubicati nel territorio italiano o all’estero, il sindaco ha spiegato che <<per quelli che si trovano sul territorio nazionale le verifiche vengono effettuate attraverso il database Sister (Catasto), mentre per quelli all’estero viene richiesta certificazione rilasciata dalla preposta autorità  delle varie nazioni>>.

Cerretani, nel dichiararsi parzialmente soddisfatto, ha invitato il sindaco affinché gli  amministratori <<non rilascino dichiarazioni alla stampa se non concordate e non in linea con la stessa Amministrazione>>.



5) IL SINDACO RISPONDE ALL’INTERROGAZIONE DI MICHELI E MASI SUL 118
"Devono essere mantenuti gli stessi standard qualitativi previsti dal Decreto Legislativo. A bordo dei mezzi di soccorso avanzato deve essere presente personale specializzato"

Luca Micheli e Alessandro Masi (PD) hanno presentato un’interrogazione  relativa alle modifiche introdotte dalla Regione Toscana sul modello organizzativo del servizio di emergenza sanitaria territoriale, e in particolare sul fatto che <<dallo scorso 4 luglio uno dei due medici in servizio al 118, attualmente operante H24 sull’area senese, è stato sostituito da un infermiere, determinando, così, una risposta clinico-assistenziale di minor efficacia>>. Il consigliere Micheli, ricordando l’impegno assunto dal precedente sindaco di Siena a verificare con la Regione, e in collaborazione con la direzione AUSL Toscana Sud Est, che fosse attenzionata la diversità tra i vari territori, al fine di garantire continuità e appropriatezza del servizio con equità nell’accesso e nelle prestazioni per i cittadini, ha chiesto di conoscere <<le azioni che il Comune metterà in atto per evidenziare l’indebolimento subito dal 118, e ribadire che le uniche modifiche accettabili sono quelle riferite all’ampliamento di servizi e di personale nell’erogazione del servizio di emergenza sanitaria territoriale>>.

Il sindaco, in assenza dell’assessore Appolloni, ha riportando le informazioni ricevute dall’ASL Toscana Sud Est ed ha dichiarato che <<non risulta attualmente rispettato quanto stabilito dal Decreto ministeriale  che prevede un mezzo di soccorso avanzato (MSA), con medico e infermiere a bordo, ogni 60mila abitanti con una copertura massima di 350 kmq. Nella realtà, infatti, l’automedica copre i Comuni di Siena, Monteriggioni, Sovicille, Murlo, Monteroni d’Arbia, Asciano (50%) e Castelnuovo Berardenga (50%)  per un totale di 93.495 abitanti e una superficie di 778,75 kmq>>.

Il primo cittadino, quindi, non solo ha ricordato che il D.M. prevede la possibilità di apportare eventuali modifiche per le zone con particolari difficoltà di accesso, come ad esempio Murlo, e particolarmente interessate da flussi turistici, ma ha ribadito, quanto già dichiarato a mezzo stampa dall’Appolloni: <<Devono essere mantenuti gli standard qualitativi previsti dal Decreto. I mezzi di soccorso avanzato in numero proporzionale all’estensione del  territorio  e al numero di abitanti e presenze turistiche,  devono avere a bordo personale specializzato, medico e infermieristico, in modo da assicurare le adeguate prestazioni ai sanitarie ai cittadini che ne hanno bisogno. Interverremo presso gli Enti di riferimento decisionale in materia perché deve essere mantenuta la massima qualità ed efficienza del servizio>>. <<Non intendiamo – ha evidenziato De Mossi – fare una guerra di classe alle categorie, vogliamo solo che la qualità sia a livello di eccellenza>>.

Luca Micheli, nel dichiararsi parzialmente soddisfatto, ha auspicato <<l’istituzione di un Tavolo regionale affinché qualsiasi riduzione nell’erogazione del servizio non possa essere accettata. Chiedo che il sindaco si faccia promotore per un’ampia e sinergica concertazione su un tema che per la sua  importanza non può essere  contraddistinto da colori politici, attivando anche i consiglieri regionali di riferimento sul territorio>>.



4) COSTITUITA LA COMMISSIONE CONSILIARE DELLE ELETTE
 
Il Consiglio Comunale ha deliberato, in base alle norme dello Statuto comunale e del Regolamento per il Consiglio Comunale, la costituzione della commissione consiliare: delle “elette”, composta dalle donne elette nel consesso cittadino con funzioni di proposta e controllo sull’attività amministrativa per il rispetto delle donne sanciti in Costituzione e nella normativa nazionale e regionale.

Le componenti sono: Anna Masignani e Eleonora Raito (Lega), Barbara Magi (Voltiamo pagina), Maria Concetta Raponi e Alessandra Bagnoli (Fratelli d’Italia), Giulia Periccioli (PD), Laura Sabatini (Gruppo Misto).



3) COSTITUITA LA COMMISSIONE PER L’USO DELLA FORTEZZA
 
L’Assemblea consiliareha nominato i componenti della Commissione per l’uso della Fortezza Medicea, chiamata a curare, in supporto alla Giunta, l’esame e l’istruttoria delle richieste per la concessione dell’area per iniziative e manifestazioni. I componenti sono: Tommaso Bartalini e Massimo Bianchini per la maggioranza e  Claudio Cerretani e Vanni Griccioli per la minoranza. La Commissione sarà presieduta dal Sindaco o da un suo delegato.



2) SULLE DIMISSIONI DELL’ASSESSORE NICOLETTA CARDIN L’INTERROGAZIONE A FIRMA PERICCIOLI, VALENTINI E MASI

Giulia Periccioli, Bruno Valentini e Alessandro Masi (PD) hanno puntato l’attenzione sulle dimissioni dell’assessore al Decoro Urbano Nicoletta Cardin.

La consigliera Periccioli, riportando dichiarazioni e fatti apparsi recentemente sulla stampa, ha chiesto al sindaco di conoscere: <<i requisiti che hanno determinato la nomina della Cardin; il perché delle dimissioni; se era stato informato precedentemente, anche in maniera informale, delle intenzioni dell’assessora, oppure se è stato lui stesso, a seguito di valutazioni politiche e formali, a sollecitarle e, in tal caso, perché non farlo prima?>>.

Periccioli ha anche chiesto <<se sono stati verificati i requisiti di onorabilità degli assessori, e di quale partito o lista della sua maggioranza fosse in quota la ex assessora>>.

<<Ringrazio Nicoletta Cardin – ha risposto il sindaco Luigi De Mossi – che, a fronte di lettere anonime, ha deciso di rimettere il suo mandato nelle mani di questa Amministrazione. La Cardin, in quota Lega, si è trovata al centro di un caso mediatico e non giudiziario. E’ bene sottolinearlo. Ho accettato le sue dimissioni  e lei ha dimostrato sensibilità istituzionale e amore verso la nostra città rinunciando ad un incarico che avrebbe svolto con professionalità, dedizione e attaccamento>>.

<<Si tratta – ha ribadito il primo cittadino - di lettere anonime e di caso mediatico. Nicoletta Cardin non ha alcun precedente o attuale carico pendente. Ha scelto lei di dimettersi per non creare alcun eventuale imbarazzo alla nuova Giunta>>.

La consigliera Periccioli si è dichiarata <<parzialmente soddisfatta sulle spiegazioni ricevute dal sindaco relativamente alle dimissioni della Cardin, e soddisfatta sul fatto che il sindaco abbia dichiarato la sua assunzione di responsabilità nella nomina della Giunta>>.



1) I NUOVI CAPIGRUPPO CONSILIARI

Il presidente Marco Falorni ha comunicato l’avvenuta costituzione dei gruppi consiliari e l’elezione dei rispettivi capigruppo.

Per il gruppo “Lega”: Massimo Bianchini, Paolo Benini, Anna Masignani, Davide Dore, Andrea Piazzesi, Francesco Mastromartino, Paolo Salvini, capogruppo Eleonora Raito; “Voltiamo Pagina”:  Marco Falorni, Barbara Magi, Federico Minghi, Carlo Marsiglietti, Tommaso Bartalini e capogruppo Fabio Massimo Castellani; “Fratelli d’Italia”: Maria Concetta Raponi, Alessandra Bagnoli, capogruppo Maurizio Forzoni; “Forza Italia”: Orazio Peluso, Bernardo Maggiorelli, capogruppo Lorenzo Loré; “Per Siena”: Vanni Griccioli, Massimo Mazzini, capogruppo Pierluigi Piccini; “Partito Democratico”: Giulia Periccioli, Luca Micheli, Bruno Valentini, capogruppo Alessandro Masi; “In Campo” capogruppo Claudio Cerretani; “Nero su Bianco” capogruppo Davide Ciacci; “Sena Civitas/MCS/SPQS” capogruppo Pietro Staderini; “Gruppo Misto” capogruppo Laura Sabatini; “Siena Aperta” capogruppo Mauro Marzucchi.
 
sienafreewhatsapp2

GUARDA ANCHE


SOCIAL e SERVIZI

Facebook_RoundWhatsapp_free_social_media_icon_roundInstagram_round_social_media_icon_freeTwitter_round

Telegiornale Canale3 Tv

estra300x250-80

ESTRA NOTIZIE

fotostudiosiena

SEGUICI SU FACEBOOK

SEGUICI SU TWITTER