Domenica, 15 settembre 2019
Banner
Banner
sienafreewhatsapp650x80
SIENA

''Per una Giornata della Memoria della Shoah e per una Giornata del ricordo delle Foibe'', intervento dei gruppi di minoranza in Consiglio comunale

Bookmark and Share
consigliocomunale12072018_ALE"Si apprende dalla stampa - e poi con la successiva convocazione del Consiglio comunale per il prossimo 30 gennaio - che a Palazzo pubblico la giornata della memoria verrà celebrata insieme a quella del ricordo in febbraio. Per ora abbiamo ricevuto oggi l’invito del sindaco per l’esposizione della targa in memoria delle giovanissime sorelle Graziella e Marcella Nissim, vittime ad Auschwitz." Così l'inizio di una nota congiunta dei Gruppi di ,inoranza in Consiglio comunale Pd, Per Siena e In Campo.

"Non è una questione di paragoni tra Shoah e Foibe, perché ogni tragedia è unica e orribile a modo suo. Ma è proprio la differenza dei contesti - quella dell’olocausto e quella della guerra - che suggerirebbe una maggiore generosità del tempo da dedicare separatamente a queste due ricorrenze.

La giornata della memoria, già prevista nel nostro Paese con la legge 20 luglio 2000 n. 211, e poi riconosciuta a livello internazionale dalla risoluzione 60/7 dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite del 1º novembre 2005, ricorda la data dell'abbattimento dei cancelli di Auschwitz, "Giorno della Memoria", rammentando l  sterminio del popolo ebraico (shoah), le leggi razziali, la persecuzione italiana dei cittadini ebrei, gli italiani che hanno subìto la deportazione, la prigionia, la morte, nonché coloro che, anche in campi e schieramenti diversi, si sono opposti al progetto di sterminio, ed a rischio della propria vita hanno salvato altre vite e protetto i perseguitati.

In occasione del "Giorno della Memoria", sono organizzati cerimonie, iniziative, incontri e momenti comuni di narrazione dei fatti e di riflessione, in modo particolare nelle scuole di ogni ordine e grado, su quanto è accaduto al popolo ebraico e ai deportati militari e politici italiani nei campi nazisti, in modo da conservare nel futuro dell'Italia la memoria di un tragico ed oscuro periodo della storia nel nostro Paese e in Europa, e affinché simili eventi non possano mai più accadere. La Regione Toscana celebra  quest’anno l’undicesimo anno del treno della memoria.

Il Giorno del ricordo, invece, istituito con la L. 30 marzo 2004, n.92, è una solennità civile nazionale italiana, celebrata il 10 febbraio di ogni anno, che vuole conservare e rinnovare «la memoria della tragedia degli italiani e di tutte le vittime delle foibe, dell'esodo degli istriani, dei fiumani e dei dalmati italiani dalle loro terre durante la seconda guerra mondiale e nell'immediato secondo dopoguerra (1943-1945), e della più complessa vicenda del confine orientale».

Si tratta, quindi, di due momenti differenti, dove si ricordano tragedie differenti: la prima, la Shoah, quella dello sterminio contro una condizione o un modo di essere o di credere; la seconda, le Foibe, quella della tragedia delle conseguenze della guerra tra gli uomini, colpa di fatti e di offese tra popoli. Non ci sono gradazioni di disvalore, quindi, ma, appunto, contesti diversi.

Ecco perché le leggi del nostro Paese e le regole della Comunità internazionale prevedono momenti differenti di riflessione e perché questa decisione di una celebrazione comune avrebbe dovuto coinvolgere l’approfondimento e il confronto almeno della conferenza dei capigruppo del Consiglio comunale, cui spetta la rappresentanza politica della Città e dei suoi valori.

Il nostro deciso appello è quindi perché anche a Siena venga dedicata una giornata alla memoria della Shoah ed una giornata al ricordo delle Foibe."
 
sienafreewhatsapp2
GUARDA ANCHE

SOCIAL e SERVIZI

Facebook_RoundWhatsapp_free_social_media_icon_roundInstagram_round_social_media_icon_freeTwitter_round

ESTRA NOTIZIE

estra300x250-80
fotostudiosiena

SEGUICI SU FACEBOOK

SEGUICI SU TWITTER