Sabato, 4 aprile 2020
Banner
Banner
sienafreewhatsapp650x80
SIENA

Gruppo whatsapp pedopornografico e violento gestito e frequentato da minorenni: 25 perquisizioni in tutta Italia dei Carabinieri di Siena

Bookmark and Share
Indagati in 25: 6 maggiorenni e 19 minorenni di cui 6 non perseguibili perchè minori di 14 anni

smartphone_minorenneNella nottata di ieri Carabinieri del Comando Provinciale di Siena hanno effettuato 25 perquisizioni in tutta Italia a carico di altrettanti indagati, amministratori di un gruppo pedopornografico e violento che operava su whatsapp.

Le indagini sono scaturite da una denuncia di una madre che si è recata presso il Comando in viale Bracci per mostrare quanto ritrovato nello smarphone del figlio 13enne. Sul gruppo whatsapp dal nome "The shoah party" venivano inviate immagini pedopornografiche e scene di violenza su bambini e non solo, di brutalità inenarrabile, oltre che di apologia al nazismo e all'islamismo.

Attraverso intercettazioni telematiche richieste e ottenute dalla Procura dei Minori di Firenze, sotto il coordinamento de procuratore Sangermano, e dalla Procura Distrettuale di Firenze competente per materia, grazie ai decreti emessi dal PM Cutrignelli, i Carabinieri hanno così ricostruito come tanti ragazzini dai 13 ai 17 anni erano rimasti invischiati più o meno consapevolmente in questa triste vicenda di pedopornografia e come altri, dopo essere entrati in quello spazio ospitato dal noto social network, ne fossero subito usciti.

Purtroppo però nessuno avava denunciato la cosa. Chi ne era uscito non ha avuto la coscienza civica di investire le autorità competenti perché ponessero rimedio in qualche modo alla vicenda.

Grazie però alla denuncia della madre senese che ha dato l'input, sono seguiti cinque mesi d’indagini molto intense. Autorizzati dai pubblici ministeri, i militari dell'Arma si sono introdotti con l’inganno all’interno del gruppo, riuscendo a convincere gli amministratori della loro affidabilità.

carabinieri-siena-computerCosì facendo i Carabinieri sono risaliti agli amministratori del gruppo, che lo hanno creato e alimentato, minorenni e maggiorenni, tutti residenti nella zona di Rivoli in provincia di Torino. Le immagini e i video postati sono stati attribuiti singolarmente alla responsabilità di ogni indagato, e alla fine ne è venuta fuori una ben documentata informativa di reato che è finita sul tavolo dei magistrati operanti.

I carabinieri erano riusciti a ricostruire tutto, e i magistrati hanno subito interrotto l'attività delittuosa. Maggiori elementi sarebbero potuti emergere solo dalle perquisizioni presso le abitazioni. Sono stati così emessi 25 decreti di perquisizione a carico degli indagati, 19 minorenni e 6 maggiorenni, eseguiti 13 provincie d’Italia.

Sui sei 13enni coinvolti non è stato possibile procedere, essendo non imputabili per la legge italiana. Nel corso delle perquisizioni sono stati sequestrati decine di telefonini e computer. Verranno affidati ad un consulente tecnico d’ufficio che ne farà delle copie forensi, riproduzioni attendibili dei contenuti spesso indescrivibili delle chat, necessarie per la promozione delle accuse in giudizio.
 
sienafreewhatsapp2
GUARDA ANCHE

SOCIAL e MESSENGER

Facebook_Round Twitter round Instagram_round_social_media_icon_free Telegram round Whatsapp_free_social_media_icon_round

CORONAVIRUS - 10 comportamenti raccomandati dal Ministero della Salute

ESTRA NOTIZIE

estra300x250-80
sienafreewhatsapp300X200
fotostudiosiena

SEGUICI SU FACEBOOK