Giovedì, 28 ottobre 2021
Banner
Banner
SIENA

L'Amnil ha celebrato la 71ª Giornata Nazionale per le Vittime degli Incidenti sul Lavoro

Bookmark and Share
La cerimonia si è svolta a Siena e in diversi comuni della provincia

anmil giornata vittime lavoro 2021Sotto l’alto patronato del Presidente della Repubblica e con il patrocinio della Rai, che ha inteso garantire il pieno sostegno delle testate giornalistiche, si è celebrata a Siena domenica 10 ottobre la Giornata Nazionale per le Vittime degli Incidenti sul Lavoro.

Per quest’anno l’ANMIL di Siena - che sul territorio raccoglie circa 1.700 soci - ha previsto la celebrazione della manifestazione in forma ridotta per le misure anti Covid.

Alle 10.30 si è svolta deposizione della corona di fiori in memoria delle vittime sul lavoro con la partecipazione del Consiglio Territoriale di Siena, nella persona di Maria Teresa Cattarinfranzero in rappresentanza del Prefetto; in rappresentanza della Questura il Questore Vicario Francesco Barba; in rappresentanza del Comune di Siena l'assessore Francesca Appolloni; Ugo Aquilio in rappresentanza della sede provinciale INAIL di Siena; per il Comando Provinciale dell’Arma dei Carabinieri il Capitano Lucia Dilio; per il Comando Provinciale della Guardia di Finanza il Capitano Antonio di Paolo.

Contemporaneamente la cerimonia è stata celebrata nei comuni di Abbadia San Salvatore, Colle di Val d’Elsa, Montepulciano, Monteroni d’Arbia, Piancastagnaio, Pienza, San Gimignano, San Quirico d’Orcia, Sinalunga e Torrita di Siena in presenza dei fiduciari di zona e i relativi Sindaci.

“La crisi economica e la ripartenza delle attività produttive rappresentano un terreno insidioso per la sicurezza dei lavoratori – ha affermato il presidente territoriale dell'ANMIL Roberto Chiappone - e lo dimostra la nuova impennata di incidenti a cui stiamo assistendo. Il bilancio infortunistico di questo 2021 è addirittura peggiore rispetto agli anni pre-pandemia. Come dieci anni fa, ancora oggi ogni giorno mediamente tre lavoratori rimangono vittime di infortuni mortali, per non parlare di coloro che muoiono dopo anni di lunghe sofferenze nel più assoluto silenzio dei media, i cui numeri sono ben 5 volte superiori. Oggi più che mai serve una forte cultura della sicurezza che guidi datori di lavoro, e lavoratori stessi, nella quotidianità delle proprie azioni. Dobbiamo vincere la tendenza ad aggirare le regole al fine di semplificare le procedure di lavoro o trarne maggiore profitto: comportamenti da condannare con efficaci azioni repressive, ma prima ancora da prevenire con la cultura e l’informazione.

La Giornata per le Vittime del Lavoro – ha sottolineato Chiappone - rappresenta un'importante occasione per riflettere e programmare le azioni più efficaci da intraprendere per contrastare gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali. Noi come ANMIL siamo pronti a fare la nostra parte e dare il massimo supporto per promuovere la cultura della prevenzione, ma questa lotta agli incidenti si vince solo operando tutti con un medesimo obiettivo: il rispetto della salute e della vita dei lavoratori".
 
sienafreewhatsapp650x80 sienafree telegram650x80
GUARDA ANCHE

SOCIAL e MESSENGER

Facebook_Round Twitter round Instagram_round_social_media_icon_free Telegram round Whatsapp_free_social_media_icon_round