Giovedì, 20 giugno 2019
Banner
Banner
SIENA

Piero Pii: ''La Regione deve essere messa con le spalle al muro''

Bookmark and Share
Il candidato alla presidenza della Provincia di Siena per i movimenti civici ha chiuso il proprio ciclo di incontri
“Non può decidere tutto Rossi, le priorità di investimento devono arrivare dalla Provincia”

pieropii-ciani“Abbiamo messo insieme un nuovo modo di fare opposizione e di proporci nella scena politica, siamo persone libere e senza vincoli dettati dai partiti, in Provincia possiamo esprimere una forza di governo i portante”. Si è chiuso con queste parole il tour che Piero Pii candidato alla Presidenza della Provincia di Siena e al Consiglio Provinciale ha fatto in questi giorni tra il capoluogo, Pienza e Colle di Val d'Elsa.

Proprio nella Città del Cristallo, il sindaco di Casole d'Elsa, ha ribadito alcuni concetti importanti. “Siamo in grado di andare in provincia e creare una rete di relazioni alternativa a quella da sempre esistente – ha detto Pii – e comunque vadano a finire le consultazioni, questo è uno scenario che deve far riflettere. Da lunedì ci sono 400 persone che chiederanno conto delle scelte che verranno fatte. Ci sono due strade: quella del Pd di aspettare e quella di una operatività immediata”.

Il candidato alla Presidenza della Provincia per i movimenti civici, sembra avere le idee chiare anche sui primi interventi da sostenere. Primo fra tutti un confronto aperto con la Regione: “Chi si troverà ad amministrare la Provincia deve aprire una battaglia dura in Regione. Gli accentramenti regionali vanno avanti senza sosta. Rossi in questo momento ha la possibilità di gestire tutto, mentre gli assessori non sembrano in grado di tenergli testa e non c'è un partito alle spalle”.

Non solo. Piero Pii continua ad andare giù duro nei confronti del presidente Enrico Rossi: “Renzi e Rossi hanno già deciso che i maggiori investimenti verranno destinati all'area metropolitana fiorentina, ma vanno fermati assolutamente. Così come vanno ridiscussi gli investimenti che la Regione ha in programma di fare solo su Siena città. La provincia non è fatta solo dal capoluogo, a meno che non si voglia rimediare al 'Sacco di Siena'. Ripensiamo poi all'Ospedale: è davvero la sola priorità come ha detto Rossi?”.

Nell'intervento di Piero Pii, in vista delle elezioni che si terranno domani, domenica, dalle ore 8 alle ore 20 all'interno dell'amministrazione provinciale, si fa riferimento anche al presidente uscente: “Ho ascoltato l'intervento di commiato di Simone Bezzini – ha detto Pii in chiusura di intervento dalla sede di Su Per Colle – e devo dire che le sue parole sono state apprezzate, anche se non è normale che le colpe non siano mai di nessuno. L'impegno nostro sarà garantire, sia con la vittoria sia con l'impegno all'opposizione, un livello di efficienza del territorio da salvaguardare, ma le priorità devono arrivare dal territorio stesso non dalla Regione. Abbiamo in mano una occasione importante per creare una rete di governo in grado di operare bene”.
 
sienafreewhatsapp2
GUARDA ANCHE

SOCIAL e SERVIZI

Facebook_RoundWhatsapp_free_social_media_icon_roundInstagram_round_social_media_icon_freeTwitter_round

Tg Canale3 Tv martedì 18 giugno

estra300x250-80

ESTRA NOTIZIE

fotostudiosiena