Martedì, 25 giugno 2019
Banner
Banner
SIENA

Siena, appartamenti anni '50 e '60 sottoposti a vincolo paesaggistico

Bookmark and Share
Il Comune di Siena è al lavoro da tempo, con Soprintendenza e Mibact, per consentire la vendita degli immobili non al passo coi tempi per quanto riguarda il vincolo paesaggistico, che a metà del secolo scorso aveva normative e modalità operative molto diverse da oggi

comunedisiena-stemma2_450"In relazione a quanto apparso sulla stampa locale negli ultimi giorni, il Comune di Siena coglie l'occasione per chiarire la situazione degli immobili degli anni '50 e '60 sottoposti a vincolo paesaggistico, materia di competenza della Soprintendenza, che allora funzionava in modo diverso rispetto alle modalità attuali. Per sgombrare il campo da equivoci, è bene chiarire che non vi è nessuna “beffa” da parte del Comune (come alcuni titoli riportano, a dispetto del contenuto degli articoli) che sta invece tentando di aiutare i diretti interessati, alle prese con problemi che risalgono a decine e decine di anni fa, allorquando furono apportate modifiche non strutturali ai loro appartamenti con procedure che, essendo avvenute a così lunga distanza di tempo, è difficile ricostruire in modo esaustivo e congruo rispetto ai canoni attuali.

Invece di lasciare i cittadini soli davanti al problema, che coinvolge anche Comuni limitrofi, che si sono rivolti al Comune di Siena per mettere a punto un indirizzo unitario, l'Amministrazione Comunale ha interloquito con la Soprintendenza e si è recata presso il Ministero dei Beni Culturali per trovare la soluzione tecnica adeguata. Da questo incontro è scaturita una lettera, inviata ad inizio gennaio proprio all'Ufficio Legislativo del Mibact, finalizzata a chiedere un loro superiore parere che, se positivo, permetterebbe di definire le pratiche in sospeso.

La problematica, com'è noto alle persone coinvolte, riguarda l'autorizzazione paesaggistica, che per il Comune è stata regolarmente acquisita nella stragrande maggioranza dei casi, ma occorre condividere questa valutazione con la Soprintendenza competente per territorio, che è appunto quella di Siena, Arezzo e Grosseto, con la quale è in corso un proficuo confronto.

Per i pochi casi residuali, trattandosi in genere di modifiche edilizie di poco conto e risalenti anche a sessanta-settanta anni fa, abbiamo chiesto al Ministero dei Beni Culturali che possa esservi una autorizzazione postuma, senza sanzioni a carico degli attuali proprietari. Siamo in attesa della risposta, ma come abbiamo spiegato ci sembra impoprio parlare di "beffa" del Comune che, al contrario, si è attivato per dare una mano ai cittadini coinvolti".
 
sienafreewhatsapp2
GUARDA ANCHE

SOCIAL e SERVIZI

Facebook_RoundWhatsapp_free_social_media_icon_roundInstagram_round_social_media_icon_freeTwitter_round

Tg Canale3 Tv venerdì 21 giugno

ESTRA NOTIZIE

estra300x250-80
fotostudiosiena