Martedì, 22 Maggio 2018
Banner
Banner
Ultime Notizie
PortaSiena
SIENA
E-mail Stampa PDF

Si presenta ubriaco all’ufficio verbali della Polizia di Stato: la Polstrada gli sospende la patente, lo sanziona e lo lascia a piedi

Bookmark and Share
poliziastradale650_2La Polizia Stradale di Siena ha ritirato la patente a un uomo di 52 anni che, questa mattina, mercoledì 16 maggio, si è presentato all’ufficio verbali, dove era stato convocato per chiarire la dinamica di un incidente in cui era rimasto coinvolto alcuni giorni fa, ubriaco.

L’uomo, di origini albanesi, quella volta era sull’Autopalio alla guida dell’Alfa Romeo della moglie quando, tra Monteriggioni e Colle Val d’Elsa, urtò lateralmente contro un altro veicolo.
Sul posto intervenne una pattuglia del Distaccamento di Montepulciano e i poliziotti, dopo aver accertato che non vi fossero feriti, procedettero ai rilievi e invitarono, poi, i due conducenti in ufficio.

Stamattina quindi, alla guida della stessa Alfa, si è presentato presso la Sezione di Siena per parlare con qualcuno dell’ufficio verbali.

Il poliziotto che lo ha ricevuto ha capito immediatamente che qualcosa non tornava, poiché dallo straniero sprigionava un forte odore di alcool, nonostante fossero solo le 9 del mattino. E i sospetti sono stati confermati dall’etilometro, a cui lui è risultato positivo.

Per lo sciagurato automobilista non c’è stato più scampo, tant’è che la Polstrada gli ha sospeso per 3 mesi la patente e decurtato 10 punti, sanzionandolo con oltre 500 euro di multa.

Ma i guai causati da quella sua condotta così scellerata non sono finiti lì, poiché ha pure dovuto lasciare nel cortile l’auto con cui era giunto in caserma. Infatti sua moglie, che era con lui, non aveva la patente.
 
sienafreewhatsapp2

GUARDA ANCHE


Diventa fan su facebook Seguici su twitter
ico-zodiacoicons_separatorico_cinemaicons_separatorico-viabilitaicons_separatorico_farmaciaicons_separatorico_meteo
oroscopo cinema viabilità farmacie meteo
SIENA_FREE_Banner_300X2502
fotostudiosiena

SEGUICI SU FACEBOOK

SEGUICI SU TWITTER