Martedì, 13 aprile 2021
Banner
Banner


ARTE, SCIENZA E CULTURA

La raffinatezza romantica di Giancarlo Scarsi impreziosisce la Biennale di Chianciano 2013

Bookmark and Share
GiancarloScarsi450vSabato 7 settembre alle ore 17, presso il Museo d’Arte di Chianciano, si inaugura la terza edizione della Biennale d’Arte Contemporanea. Centoventi artisti provenienti da tutto il mondo, cinquecento opere tra pittura, scultura, fotografia e arti applicate, e curatori internazionali che hanno allestito, tra le altre, mostre al Victoria & Albert Museum e al Chelsea Old Town Hall, dove proprio nel 2013 hanno organizzato la prima Biennale di Londra. Tra i pittori che vedremo in mostra da sabato fino al 14 settembre, un italiano ci regala emozioni “senza tempo”: Giancarlo Scarsi.

Ci sono artisti che istantaneamente portano la mente a viaggiare, verso luoghi lontani nello spazio e nel tempo, verso mondi reali o fantastici, ma che comunicano un senso di dolce e vaga nostalgia, tanto cara agli artisti del XIX secolo. Uno dei migliori è proprio Scarsi.
Dotato di uno spiccato quanto peculiare talento artistico, il Scarsi cova la passione per la pittura sin da ragazzo, ma decide di dargli pienamente voce solo nel 2003, quando la potenza espressiva dentro di sé era ormai giunta all’acme.
La semplicità evocativa delle sue immagini, la magia di quei paesaggi resi in modo etereo ed intimistico, sono amplificati dalla resa dei protagonisti delle tele: personaggi rigorosamente di spalle. Come aveva compreso agli inizi dell’Ottocento il genio pittorico del Romanticismo tedesco Caspar David Friedrich, l’espediente narrativo che vede il protagonista volgere le spalle al fruitore, crea un dialogo chiuso all’interno dell’opera, in cui l’osservatore può accedere solo identificandosi proprio con quella persona di spalle. Ciò libera la pittura dalla gabbia delle due dimensioni, rendendo chi guarda un protagonista attivo dell’opera d’arte, che non si risolve semplicemente nello spazio della tela, ma continua nel mondo reale, coinvolgendo lo spettatore in modo talmente intenso da permettere alla sua fantasia di viaggiare all’interno dei magnifici paesaggi costruiti dall’artista, perdendosi ad ammirare l’orizzonte e con esso i suoi pensieri più profondi e sepolti, nel silenzio di una visione indefinita come solo i canti di Leopardi saprebbero descrivere verbalmente.

GiancarloScarsi400Dalle opere di Scarsi traspare un’intimità fortemente connessa all’aspetto più umano e prezioso: i ricordi, i sogni, le speranze. Senza di essi non potremmo sopravvivere alla realtà, che spesso può essere crudele o dolorosa. Quei personaggi di spalle, di cui conosciamo solo i capelli arruffati o intrecciati, rappresentano ciascuno di noi di fronte ai paesaggi sconfinati che si estendono nella nostra anima e ci trasmettono un dolce senso di familiarità, una soave nostalgia, permettendo al passato e al futuro di emergere e fondersi in un unico, sognante sospiro.

L’edizione 2013 della Biennale di Chianciano si prospetta dunque davvero imperdibile. Non mancate all’inaugurazione, il 7 settembre alle 17!
 
sienafreewhatsapp650x80
GUARDA ANCHE

SOCIAL e MESSENGER

Facebook_Round Twitter round Instagram_round_social_media_icon_free Telegram round Whatsapp_free_social_media_icon_round

ESTRA NOTIZIE

COVID - MISURE IN PROVINCIA DI SIENA DA LUNEDI' 12 APRILE

anci arancione covid12aprile2021 300
La provincia di Siena è passata in zona arancione. Rimangono in zona rossa fino alle 14 di sabato 17, i comuni di Poggibonsi, San Gimignano, Colle di Val d’Elsa, Casole d’Elsa, Radicondoli compresi nella zona socio sanitaria Alta Valdelsa.
anci arancione covid12aprile2021 300
fotostudio siena