Mercoledì, 19 febbraio 2020
Banner
Banner
sienafreewhatsapp650x80
PROVINCIA - SINALUNGA

Al Teatro Pinsuti di Sinalunga arriva ''Diario di una casalinga disperata''

Bookmark and Share
diariodiunacasalingadisperataArriva al Ciro Pinsuti di Sinalunga uno spettacolo intenso e incisivo che sa far ridere ma anche riflettere, portando in scena un autentico ritratto in cui si sono riconosciute milioni di donne in tutto il mondo. Diario di una casalinga disperata è in scena giovedì 30 gennaio, alle 21, in scena gli ottimi Carla Ferraro e Mauro Santopietro diretti da Ferdinando Ceriani. E prima dello spettacolo, dalle 18:15 alle 19:45, si svolgerà il primo incontro del ciclo Lo spettatore consapevole (ingresso gratuito, direzione@teatropinsuti.it). Il direttore artistico del teatro, Gherardo Vitali Rosati, accompagnerà i partecipanti in un percorso volto a conoscere i diversi elementi che compongono uno spettacolo, imparando a meglio conoscere anche i propri gusti. I biglietti per lo spettacolo – da 6 a 12 euro – sono disponibili nel circuito Ticketone (alla Coop di Sinalunga, alla Letric travel di Torrita di Siena, on line su www.ticketone.it) oppure al botteghino la sera dello spettacolo dalle 19.

Quante sono le mogli che cercano di assomigliare a quelle fotografie dei rotocalchi con la donna di casa che si sveglia al mattino, fresca e felice, prepara la colazione alla famiglia, scarica la sua nidiata davanti alla scuola per precipitarsi, di nuovo, a casa a passare, piena di passione, la nuova lucidatrice sull’immacolato pavimento della cucina? Milioni, forse, ma ben poche sono le donne che in quel modello possono e vogliono riconoscersi. Tra queste la Bettina Balser di questa storia. Questo Diario nasce dal celebre romanzo di Sue Kaufman, che uscì per la prima volta negli USA nel 1967. Nasceva da lì il personaggio di Bettina, diventato icona di un’epoca e di un movimento, quello femminista, che allora faceva i suoi primi passi e che oggi si è forse perso nelle maglie intricate del conformismo. Il successo planetario di questo “diario” ha dato vita a un genere letterrario, le mad housewife novels, è diventato un film diretto da Fred Perry, pluripremiato dalla critica, è servito da spunto per saggi e studi sociali e antropologici sul rapporto uomo – donna nel XX secolo, ma soprattutto ha saputo raccogliere le insoddisfazioni, le nevrosi, le contraddizioni, le vitalità “disperate” della donna moderna divisa, talvolta dilaniata, oggi come allora, tra il ruolo affibbiatole dagli uomini di “angelo del focolare” e il desiderio di vivere con pienezza e indipendenza la propria vita.

In una messinscena che dà ampio spazio alla fantasia e al grottesco, Bettina Balser, Tina per gli amici, interpretata dall’attrice napoletana Carla Ferraro, torna a parlarci di sé, delle sue nevrosi e del suo rapporto con gli uomini, il marito, l’amante, lo psicologo, tutte facce di un unico corpo (e infatti rappresentati dallo stesso attore, Mauro Santopietro, in una girandola di virtuosismi): quello del maschio secolare che, da sempre, tenta di relegare la donna in un ruolo di secondo piano, sempre pronta, però, a soddisfare i suoi desideri sessuali: “Ehi, Tina... che ne diresti di una bella rotolatina nel fieno?”. “La parola mad – dice il regista – che abbiamo tradotto con disperata può significare, in inglese, anche arrabbiata e pazza. In questa edizione teatrale (la prima per l’Italia) ci siamo serviti anche di questi due significati per creare il personaggio di Tina Balser, convinti che, oggi, le figlie di quella generazione, anche se non sono più casalinghe disperate, possono riconoscersi ancora in questa donna che, a modo suo, si ribella all’immagine di moglie perfetta che la società in cui vive gli impone preferendo essere una bad wife anziché una mad wife”.
 
sienafreewhatsapp2
GUARDA ANCHE

SOCIAL e SERVIZI

Facebook_RoundWhatsapp_free_social_media_icon_roundInstagram_round_social_media_icon_freeTwitter_round

ESTRA NOTIZIE

estra300x250-80
sienafreewhatsapp300X200

Viaggi nel Mondo - Itinerario di viaggio in Giappone: speciale fioritura

Giappone World Face 11 300
fotostudiosiena

SEGUICI SU FACEBOOK