Domenica, 18 aprile 2021
Banner
Banner


PROVINCIA - TORRITA DI SIENA

Dopo una completa ristrutturazione, il Comune di Torrita di Siena ha inaugurato la scuola media di via Marche dedicata a Margherita Hack

Bookmark and Share
Presenti anche il presidente della Regione Toscana Eugenio Giani, il vice ministro all’istruzione Anna Ascani, l’assessore regionale all’Istruzione Alessandra Nardini, e il consigliere regionale Elena Rosignoli

scuola media hack inaugurazione2021Oggi, lunedì 4 gennaio, il sindaco di Torrita di Siena, con l’assessore comunale all’istruzione Natascia Volpi, ha inaugurato la scuola media di via Marche dedicata a Margherita Hack. Hanno voluto essere presenti a questa semplice cerimonia anche il presidente della Regione Toscana Eugenio Giani, il vice ministro all’istruzione Anna Ascani, l’assessore regionale all’istruzione Alessandra Nardini, e Elena Rosignoli, consigliere regionale e cittadina torritese.

“Possiamo parlare di una vera e propria inaugurazione - così Giacomo Grazi, sindaco di Torrita – perché questa scuola è stata oggetto di lavori importanti che hanno consentito di renderla adeguata ai nuovi concetti di sicurezza e di migliorarla sotto tutti gli aspetti, anche quello non secondario relativo agli arredi e all’aspetto estetico-funzionale”.

I lavori, iniziati nel 2019 e terminati da pochissimo tempo, hanno interessato i due plessi, con le relative aree esterne, che ospitano le scuole medie e che erano stati costruiti, uno verso la fine degli anni ’60 e l’altro una decina di anni dopo. Avevano pertanto un’età per cui si rendevano necessari dei lavori di adeguamento alle normative sopraggiunte nel tempo e di una modernizzazione, anche estetica, degli spazi.

Per gli interventi del plesso 1 è stato ottenuto un primo finanziamento, nell’ambito dell’edilizia scolastica (MIUR), con il Decreto Ministeriale 1007 del 2017, che prevedeva lavori di miglioramento sismico e adeguamento alla normativa antincendio; il tutto per un quadro generale di spesa di oltre 290mila euro. Con questo finanziamento sono state interamente coperte le spese e nel corso dei lavori è stata eseguita una variante che ha permesso di portare la struttura dallo stato di “miglioramento” a quello di “adeguamento” sismico. Cosa di non poco conto, visto che al suo interno, tra studenti, alunni, insegnanti e collaboratori vari, sono normalmente presenti quasi 250 persone.

“Quella di oggi – ha detto il presidente Giani - è l’occasione per mandare un segnale a tutta la Toscana: la prima inaugurazione dell’anno di un plesso scolastico, realizzato grazie alla collaborazione con il ministero e a risorse regionali e statali. La scuola è stato sicuramente uno degli argomenti più dibattuti durante questa terribile pandemia che ha sconvolto le vite di tutti. Un grazie particolare va agli insegnanti, che in questa fase storica hanno giocato un ruolo di prima linea, cercando di mantenere un contatto costante con i propri alunni. Scuola è crescita, cultura e formazione e questa scuola, dedicata a Margherita Hack, dev’essere l’auspicio per un anno che ci porti a contrastare e vincere la battaglia contro il virus. Una nuova scuola media, il centro della vita sociale di una comunità, come segnale di speranza verso il futuro”.

“È bello essere qua a inaugurare una scuola – ha spiegato l’assessore Nardini – e lo è in modo particolare in un momento come questo, in cui il mondo della scuola ha pagato un prezzo molto alto a causa di questa pandemia. Adesso è il momento di ripartire e di farlo in sicurezza, per questo abbiamo messo in campo azioni molto importanti, sul fronte sanitario e su quello dei trasporti. Insieme al presidente Giani abbiamo sempre deciso di non adottare restrizioni ulteriori rispetto a quelle nazionali e di mantenere la massima percentuale consentita di lezioni in presenza perchè la didattica a distanza, seppur necessaria in una situazione come questa, non può sostituire quella in presenza che è anche socialità. Il taglio di questo nastro – ha concluso - è perciò anche un simbolo di speranza, un bel segnale per il nuovo anno in cui ci auguriamo di vedere ragazze, ragazzi e insegnanti di nuovo tra i banchi, in scuole belle e sicure come questa".

Soddisfatta anche la viceministro Ascani che ha raccontato di essere stata qui la scorsa estate, “quando al posto della scuola c’era un cantiere. Ne ho visti tanti durante i mesi in cui tutta la didattica era a distanza e li abbiamo velocizzati per consentire a tanti alunni di poter non solo tornare a scuola, ma farlo in strutture più belle, sicure ed accoglienti. Abbiamo passato mesi difficilissimi, la riapertura di giovedì prossimo è un momento importante, in attesa del vaccino. Per consentire un rientro in sicurezza abbiamo coinvolto tutti gli attori del territorio, ma quello di oggi è un messaggio importante e positivo, mi auguro sia la prima di tante inaugurazioni e soprattutto l’inizio di una fase nuova per la scuola e per il paese”.

Identici lavori, per un importo complessivo di 150mila euro, che hanno invece riguardato il plesso 2, sono stati eseguiti con un finanziamento di circa 100mila euro della Regione Toscana nell’ambito “edilizia scolastica interventi urgenti e indifferibili” e la parte restante con risorse proprie del Comune.

“Non ci siamo limitati a questi lavori – ha detto Natascia Volpi, assessore all’istruzione del Comune di Torrita di Siena –, abbiamo infatti voluto procedere anche con lavori di ristrutturazione generale che hanno interessato gli impianti tecnologici, il rifacimento dei pavimenti e rivestimenti, e degli infissi interni. Non solo; abbiamo anche provveduto all’efficientamento energetico delle strutture con la sostituzione degli infissi esterni, della centrale termica e con la coibentazione delle coperture”.

"Sono orgogliosa della conclusione di questo progetto - ha sottolineato Elena Rosignoli, consigliere regionale - votato ed approvato in Consiglio comunale nella precedente legislatura dove sedevo tra i banchi della maggioranza rivestendo anche il ruolo di presidente della commissione bilancio, un’opera importante per le future generazioni del nostro territorio."

Oltre a questi aspetti molto tecnici, saranno immediatamente percepibili da tutti altri interventi relativi al rifacimento del tunnel di collegamento tra i due plessi, alla sistemazione delle aree esterne, al nuovo impianto antincendio, alle nuove recinzioni e a lavori di piantumazione; lavori che per il Comune hanno comportato un ulteriore investimento di risorse per altri 500mila euro circa. A questi si devono aggiungere altri 100mila euro circa per gli arredi scolastici. Il totale della spesa per i due edifici arriva pertanto a circa un milione di euro, di cui 650mila euro derivanti da finanziamenti propri del Comune di Torrita di Siena.
 
sienafreewhatsapp650x80


GUARDA ANCHE

SOCIAL e MESSENGER

Facebook_Round Twitter round Instagram_round_social_media_icon_free Telegram round Whatsapp_free_social_media_icon_round

ESTRA NOTIZIE

COVID - MISURE IN PROVINCIA DI SIENA DA LUNEDI' 12 APRILE

anci arancione covid12aprile2021 300
fotostudio siena