Lunedì, 25 Giugno 2018
Banner
Banner
Ultime Notizie
PortaSiena
TOSCANA

Consiglio regionale: approvato il rendiconto 2017

Bookmark and Share
L’atto ha ricevuto voto favorevole a maggioranza. Registrato un avanzo di 1 milione e 747 mila euro

regionetoscana300Via libera a maggioranza al rendiconto del Consiglio regionale per l'esercizio finanziario 2017. L’atto è stato approvato dall’aula con il voto favorevole dei gruppi di maggioranza e con l’astensione di quelli di opposizione.

A illustrare l’atto è stato il presidente della commissione Controllo Jacopo Alberti (Lega). Alberti ha ricordato che il costo del Consiglio regionale ammonta a 26 milioni e 328 mila euro. “Nel  2017 – ha spiegato il consigliere - è stato registrato un avanzo di amministrazione di 1milione e 747 mila euro,  al netto delle quote accantonate, vincolate e destinate agli investimenti”.

In particolare, il Consiglio regionale sta continuando ad accantonare quote in attesa del pronunciamento del Tribunale di Firenze su un ricorso presentato alla legge sul divieto di cumulo di vitalizi. I ricorrenti hanno sollevato in via incidentale il dubbio di costituzionalità e se alla fine la Regione dovesse perdere, dovrebbe rifondere entro sessanta giorni tutti i soldi trattenuti. Per questo  in presenza di un avanzo si è ritenuto utile accantonare annualmente i fondi eventualmente necessari.

Rimane l’avanzo di 1 milione e 747 mila euro, il cui utilizzo sarà deciso entro luglio dal Consiglio regionale, tramite una legge che stabilirà la destinazione dei fondi a determinate tipologie di interventi, rivolti alla collettività. Negli anni passati, ad esempio, parte dei fondi è stata destinata alla valorizzazione delle città murate della Toscana. “L’avanzo – ha detto ancora Alberti – è dovuto in buona parte a risparmi decisi dall’amministrazione, come quelli sui vitalizi e sulle spese di rappresentanza, ed è quindi da considerarsi un fatto positivo”. Il bilancio del Consiglio regionale incide in maniera marginale sul bilancio della Regione Toscana, che sfiora i 16 miliardi: per l’esattezza, incide per lo 0,13 per cento.

Alberti si è soffermato, infine, sulla rapidità dei tempi di pagamento: il Consiglio infatti riesce a pagare i fornitori in un tempo medio di 14,5 giorni.

“Siamo davanti a un esempio di gestione virtuosa – è stato il commento di Gabriele Bianchi (M5S) – e di trasparenza che rappresenta un esempio”. Secondo Bianchi è certo possibile ottimizzare ancora i costi, ed è necessario impegnarsi per utilizzare pienamente l’avanzo registrato.

Positivo anche il giudizio di Paolo Bambagioni (Pd), secondo il quale “siamo in presenza di risparmi che derivano da scelte positive come quelle sui vitalizi, c’è disponibilità di cassa, sono state fatte scelte oculate”.

“Un rendiconto tecnicamente molto ben costruito e intellegibile – è stato il commento di Tommaso Fattori (Sì-Toscana a Sinistra) – il che, data la difficoltà della materia, è tutt’altro che scontato”. Per Fattori la questione dell’avanzo andrà affrontato mostrando una maggiore capacità di programmazione.

Valutazione positiva anche da parte di Monica Pecori (Gruppo misto-Tpt), la quale ha espresso tuttavia perplessità sull’utilizzo dell’avanzo per come impiegato fin qui. “Sarebbe utile – ha detto – usarlo per leggi di iniziativa consiliare che abbiano una ricaduta sul sociale”.
 
sienafreewhatsapp2

GUARDA ANCHE


Diventa fan su facebook Seguici su twitter
ico-zodiacoicons_separatorico_cinemaicons_separatorico-viabilitaicons_separatorico_farmaciaicons_separatorico_meteo
oroscopo cinema viabilità farmacie meteo
300x250-estra-offerta-luce
fotostudiosiena

SEGUICI SU FACEBOOK

SEGUICI SU TWITTER