Mercoledì, 19 febbraio 2020
Banner
Banner
sienafreewhatsapp650x80
UNIVERSITA'

''L’unica differenza sono solo due mani'', il primo corso alle manovre salvavita tradotto ''Easy to read''

Bookmark and Share
Il progetto, da una tesi di laurea in Scienze infermieristiche dell’Università di Siena, realizzato in collaborazione con l’Associazione Siena Cuore Onlus e l'associazione Anffas AltaValdelsa

lunicadifferenzasonosoloduemaniE’ stato presentato questa mattina all’Università di Siena, presso la sala consiliare del palazzo del Rettorato, il primo corso alle manovre salvavita rivolto a persone con differenti disabilità, certificato e tradotto "Easy to read" secondo le Linee Guida ERC 2015.

Il progetto “L’unica differenza sono solo due mani”, oggetto della tesi di laurea in Scienze infermieristiche all'Università di Siena della dottoressa Ylenia Donati, è stato realizzato in collaborazione con l’Associazione Siena Cuore Onlus e l'Associazione Anffas AltaValdelsa, e rappresenta il primo esempio in Italia di inclusione nell’ambito della formazione sul primo soccorso BLSD e le manovre salvavita.

Il lavoro, frutto dell’esperienza personale della dottoressa Donati sia come professionista sanitaria che come volontaria dell’Associazione Siena Cuore Onlus e dell’Associazione Anffas Alta Valdelsa, prevede l’utilizzo del linguaggio “Easy to Read”, ossia un linguaggio facile da leggere e da capire, che agevola le persone con disabilità rendendo accessibili le informazioni necessarie all’azione.

E’ stato così realizzato un pacchetto formativo, validato da Anffas Nazionale per una sua adozione sul campo, standardizzato e adeguato per l’attività di formazione vera e propria, strutturata in due incontri dedicati rispettivamente alla teoria e alla pratica delle manovre salvavita.

 “Considerato che in caso di arresto cardiaco gli esiti sono tempo-dipendenti – spiega la dottoressa Donati - la diffusione della cultura delle manovre salvavita è la principale arma che abbiamo a disposizione per combattere la morte cardiaca improvvisa”. “Spesso le persone con disabilità intellettiva o relazionale vengono escluse dal percorso di formazione sociale – prosegue - in quanto è luogo comune considerarle non capaci di integrarsi in un gruppo e di raggiungere un obiettivo comune e prefissato. Attraverso questo lavoro ho voluto provare a confutare questa convinzione, partendo proprio da una dichiarazione di differenza”.

“In questa esperienza – evidenzia Ylenia Donati - persone con differenti disabilità hanno imparato e interiorizzato che per salvare una vita umana tutto ciò che fa la differenza e saper fare la cosa giusta acquisendo le giuste conoscenze. Dimostrazione sul campo – conclude Ylenia Donati - del fatto che ognuno può contribuire a suo modo se messo in condizioni di farlo. Il progetto è un esempio di proficua collaborazione tra più realtà, dall’università alla sanità e al volontariato, per un passo in avanti nel sociale verso l’integrazione e l’inclusione”.
 
sienafreewhatsapp2
GUARDA ANCHE

SOCIAL e SERVIZI

Facebook_RoundWhatsapp_free_social_media_icon_roundInstagram_round_social_media_icon_freeTwitter_round

ESTRA NOTIZIE

estra300x250-80
sienafreewhatsapp300X200

Viaggi nel Mondo - Itinerario di viaggio in Giappone: speciale fioritura

Giappone World Face 11 300
fotostudiosiena

SEGUICI SU FACEBOOK