Giovedì, 26 maggio 2022
bccbancacentro manchette2021OK
bccbancacentro manchette2021OK
ARTE, SCIENZA E CULTURA

Biblioteca degli Intronati, il direttore Annalisa Pezzo commenta le osservazioni dell'associazione In Campo

Bookmark and Share
Annalisa Pezzo biblioteca intronati"Desidero ringraziare per l’attenzione che ha voluto porre sull’istituzione Biblioteca comunale degli Intronati l’Associazione “In Campo”. In particolare, condivido pienamente le considerazioni sul fatto che la cultura, nella nostra città (e non solo), passa anche attraverso la biblioteca." Così interviene Annalisa Pezzo, direttore della Biblioteca comunale degli Intronati in merito alle osservazioni dell'associazione In Campo sul contesto culturale a Siena (vai all'articolo).

"Tale riconoscimento, purtroppo - prosegue Annalisa Pezzo -, non ha sempre trovato accoglimento presso le varie amministrazioni che si sono succedute nel tempo, spesso e volentieri, anzi, la biblioteca è stata letta in termini riduttivi, statici e conservativi. È in questo contesto che non può non venire considerata anche la giusta osservazione sull’attualità del sito web e sull’esigenza di un pronto aggiornamento funzionale.

Come direttore posso confermare che in questi due anni di incarico sono state immediatamente messe in campo molteplici iniziative di valorizzazione della nostra istituzione e del suo ricco patrimonio, che mi permetto di indicare in rapida sintesi e sulle quali avrei veramente il piacere di poter mettere al corrente l’associazione anche attraverso una visita concordata.

In primo luogo è stato condotto un vasto intervento di manutenzione straordinaria che ha interessato i manoscritti, gli incunaboli e altra cospicua parte del fondo antico, sottoposto a un’accurata operazione di depolveratura di circa 28.000 volumi e che ha visto anche il completo restauro delle antiche scaffalature. Abbiamo poi installato nella nostra sede, grazie al comodato d’uso stabilito con la Fondazione Monte dei Paschi, il bellissimo studiolo realizzato su disegno di Agostino Fantastici alla metà degli anni venti dell’Ottocento. In collaborazione con il Santa Maria della Scala si è provveduto a un allestimento più consono ai criteri conservativi del nostro Evangeliario bizantino del XII secolo esposto nel percorso di visita del museo e alla sua completa digitalizzazione, arricchita da una campagna fotografica con la tecnologia gigapixel+3D per una migliore fruizione.

Tra i numerosi progetti di ricerca dei quali la biblioteca si è fatta promotrice o partner si segnala il conseguimento, assieme all’Università di Firenze, attraverso un bando della Regione Toscana per l’alta formazione, di un assegno biennale a un giovane ricercatore per lo studio e la digitalizzazione del fondo fotografico e archivistico dell’ex soprintendente Pèleo Bacci. Si sono inoltre acquisite la straordinaria edizione delle Vite del Vasari annotata dal pittore manierista Federico Zuccari e la raccolta pressoché completa della preziosa rivista “L’Eroica”, della quale alcuni numeri sono oggi esposti alla mostra dedicata a Federigo Tozzi al Santa Maria della Scala. Infine si deve registrare con grande soddisfazione il buon esito di due bandi di finanziamento: quello regionale per 320.000,00 euro grazie al quale verranno allestiti uno spazio dedicato alle esposizioni temporanee e una grande sala di lettura per la biblioteca di Storia dell’arte, e quello, di ben 900.000,00, del Ministero della Cultura grazie al quale si potrà restaurare la facciata del Complesso della Sapienza, ripensarne l’accesso e la distribuzione degli spazi, arricchire il percorso con un progetto multimediale che racconti la storia e il presente dell’Istituzione. Non ci pare poco, anche alla luce della continua emorragia di personale che ha ridotto sempre più l’organico dell’Istituzione nell’ultimo decennio.

Sulla questione segnalata, infine, mi preme sottolineare che, anche a causa della necessità di portare a termine il vasto e complesso progetto di Biblioteca digitale che sarà online nelle prossime settimane – finanziato per 120.000,00 euro da Ales S.p.a. – la progettazione dell’immagine coordinata e la costruzione del nuovo sito è stata programmata nel DUP nell’intero biennio 2021-2022 e sarà dunque condotta a termine per la fine di quest’anno.

Mi permetto di precisare, al fine di una migliore comprensione, che l’ambito organizzativo, ivi compreso quello relativo alla realizzazione del sito web - conclude Annalisa Pezzo -, esula dalle competenze del presidente e che l’assessorato di riferimento nel caso specifico della biblioteca, proprio per la sua natura di organismo strumentale a gestione autonoma, non è l’assessorato alla cultura ma il Sindaco. Spero di aver ben interpretato le considerazioni dell’associazione e rinnovo l’invito per una cordialissima visita alla nostra biblioteca."
 
sienafreewhatsapp650x80 sienafree telegram650x80
Facebook_Round Twitter round Instagram_round_social_media_icon_free Telegram round Whatsapp_free_social_media_icon_round